“Il bambino segreto”, Leone Editore : Intervista a Gheri Scarpellini – di Libera Capozucca

di Libera Capozucca Il romamzo di Gheri Scarpellini, “Il bambino segreto”, è una storia avvincente che ha per protagonista un fanciullo alle prese con un mondo fantastico, minacciato da forze oscure e misteriose. Abbiamo incontrato a Milano l’autore, per approfondire il … Continua a leggere “Il bambino segreto”, Leone Editore : Intervista a Gheri Scarpellini – di Libera Capozucca

Una nota per l’autore: La dodicesima nota è un atto d’amore

Senza temere di peccare di poca modestia, le Edizioni Carteggi Letterari, piccole e giovani come sono, sono onorate di presentare La dodicesima nota, di Lev Matvej Loewenthal, come il romanzo più significativo del 2017. La sorpresa, per prima mia, nel ricevere … Continua a leggere Una nota per l’autore: La dodicesima nota è un atto d’amore

Madame Ferrante c’est moi, anzi no: analisi semiseria di un popolo di (non) lettori

di Elisabetta Viti Se da giorni, nel paese europeo ad alto tasso (Istat) di inattività culturale (un italiano su cinque non legge un libro in un anno), il caso Ferrante infiamma di like e tweet i nostri cuori, non è … Continua a leggere Madame Ferrante c’est moi, anzi no: analisi semiseria di un popolo di (non) lettori

Guido Conti, “Il taglio della lingua”, Guanda, Parma, 2000 – Recensione di Margherita Rimi

di Margherita Rimi Guido Conti e il coraggio della lingua Il taglio della lingua : questo è il titolo di un romanzo di Guido Conti, che è stato pubblicato con l’editore Guanda nel 2000 e che racconta la storia di un bambino nato con una lingua lunghissima. Si tratta di un libro di grande valore umano sia per i contenuti che per lo stile. È in-comprensibile che non se ne parli come si dovrebbe. Di fronte a questo titolo c’è da porsi già la prima domanda: – Perché proprio il «taglio della lingua»? Perché la lingua è presa come bersaglio … Continua a leggere Guido Conti, “Il taglio della lingua”, Guanda, Parma, 2000 – Recensione di Margherita Rimi

Le narrazioni (a cura di Marco Malvestio) – Marco Missiroli, “Atti osceni in luogo privato”, Feltrinelli, 2015

Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli Si può intuire, dalla scansione dei capitoli, che Missiroli intendesse scrivere un romanzo di formazione: il protagonista, Libero, si racconta attraverso infanzia, giovinezza, adolescenza, maturità, adultità (sic) e infine nascita, cioè il momento in cui diventa padre. Si può intuire, appunto, ma non molto di più, perché in realtà i personaggi di questo romanzo sono sempre uguali, non mutano di una virgola. Libero guadagna un po’ di sicurezza in più con le donne, superato lo scoglio della prima volta (e che patemi infiniti per arrivarci!), il padre si intristisce un po’ dopo … Continua a leggere Le narrazioni (a cura di Marco Malvestio) – Marco Missiroli, “Atti osceni in luogo privato”, Feltrinelli, 2015

Consonanze e dissonanze di Lorenzo Mari – Cercando “Vie di fuga” (Besa, 2015) con Daniele Comberiati

CONSONANZE E DISSONANZE / Cercando “Vie di fuga” (Besa, 2015) con Daniele Comberiati Pur sperando segretamente in una secca smentita, ci sono zone d’Italia che mi sembrano largamente trascurate dall’immaginario letterario canonico, e tra queste, mi pare che spicchi, per estensione e importanza, un’intera regione: la Calabria. I luoghi di Saverio Strati, Corrado Alvaro e Enzo Siciliano non sono stati battuti da scrittori altrettanto noti, negli ultimi anni, e anche il recente film di Francesco Munzi, Anime nere (2014), avanza attraverso terre scarsamente esplorate dal cinema italiano. Forse questo fatto non si traduce ipso facto in un vero e proprio … Continua a leggere Consonanze e dissonanze di Lorenzo Mari – Cercando “Vie di fuga” (Besa, 2015) con Daniele Comberiati