“Il bambino segreto”, Leone Editore : Intervista a Gheri Scarpellini – di Libera Capozucca

di Libera Capozucca Il romamzo di Gheri Scarpellini, “Il bambino segreto”, è una storia avvincente che ha per protagonista un fanciullo alle prese con un mondo fantastico, minacciato da forze oscure e misteriose. Abbiamo incontrato a Milano l’autore, per approfondire il … Continua a leggere “Il bambino segreto”, Leone Editore : Intervista a Gheri Scarpellini – di Libera Capozucca

I luoghi e le scritture (rubrica di Antonio Devicienti): su “Memento vivere” di Donatella D’Angelo

Sono molti i “luoghi”di questo libro, molteplici le relative “scritture”: la fotografia, il corpo, la quotidianità, i luoghi familiari e intimi della casa, gli oggetti della e nella casa, il ricordo, l’assenza, la scrittura in versi, il dialogo (ma con … Continua a leggere I luoghi e le scritture (rubrica di Antonio Devicienti): su “Memento vivere” di Donatella D’Angelo

FLASHES E DEDICHE- CHE FIGURATO MUORE- LUIGI BALLERINI – 31

Qualche sera mi sono trovato a parlare con Luca Rizzatello, deus ex machina della Prufrock spa, e Bernardo Pacini, di un autore che meriterebbe un maggior studio e risalto a prescindere da questo piccolo flash. Mondadori ha pubblicato nella scorsa … Continua a leggere FLASHES E DEDICHE- CHE FIGURATO MUORE- LUIGI BALLERINI – 31

Le metamorfosi sublimi di Anna Laura Longo

Di Alfredo Nicotra Un linguaggio metaforico, denso e straripante è quello che gronda dai testi raccolti nella plaquette di Anna Laura Longo, Questo è il mese dei radiosi incarnati del suolo (Oèdipus, 2016). Prestandovi ascolto e lasciandosi incantare dalla partitura … Continua a leggere Le metamorfosi sublimi di Anna Laura Longo

Le “altre scritture” del quotidiano, recensione a Arrenditi Dorothy! di Marilena Renda

Di Alfredo Nicotra “La lingua comincia ad emettere suoni prima inauditi, la schiena accetta di curvarsi sotto il peso dell’assurdo, la pancia si fa traghettare verso grembi stranieri, le parole dette alla rovescia si fanno leggere in mille direzioni, si … Continua a leggere Le “altre scritture” del quotidiano, recensione a Arrenditi Dorothy! di Marilena Renda

“Riscopriamo la rabbia”. Simona Baldelli presenta il suo nuovo romanzo a Catania

Di Alfredo Nicotra “La rabbia è un sentimento che muove il mondo, capace di capovolgerlo”. Con queste parole Simona Baldelli ha presentato in questi giorni a Catania il suo nuovo romanzo “La vita a rovescio” (Giunti 2016). Incalzata dalle domande … Continua a leggere “Riscopriamo la rabbia”. Simona Baldelli presenta il suo nuovo romanzo a Catania

VITE COLME DI VERSI – NICOLA VACCA -FLASHES E DEDICHE – 13. (a cura di G.Maffii)

Il giorno 21 di aprile per i tipi della Galaad esce il nuovo libro di critica letteraria di Nicola Vacca : “Vite colme di versi”. Il testo è uno studio-omaggio di 22 poeti del novecento.  Notevole la scelta, 11 italiani e 11 stranieri . Se non sorprendono nomi come Caproni e Ungaretti (del resto Vacca ha scritto molto su quest’ultimo),  capisaldi dell’italica letteratura, a Bonnefoy e Celan,  la riproposta di altri sorprende piacevolmente. Beppe Salvia, Cacciatore, Bellezza, l’immenso Bigongiari (di cui ricordo amabili conversazioni) e la mia amata Nika Turbina. È uno studio profondo e condensato, pieno di amore per la … Continua a leggere VITE COLME DI VERSI – NICOLA VACCA -FLASHES E DEDICHE – 13. (a cura di G.Maffii)

POESIA COME SCELTA NECESSARIA – FRANCO FORTINI -FLASHES E DEDICHE 12. (a cura di G.Maffii)-

Riporto oggi questi pensieri tratti da Le  mucche non leggono Montale. Fortini sosteneva che cultura è sinonimo di civiltà ovvero è l’insieme dei modi nei quali, in un tempo e in un luogo, gli uomini producono. Questo riguarda anche la poesia nel duplice aspetto di produzione, proprio del poiein, e di pensiero. Sostituiamo i concetti spaziale e temporale. Ribadiamo il senso diacronico che dobbiamo dare al fare poetico. Lavoriamo a questo immenso ipertesto che si crea nell’ “ognidove” e che si congiunge nel “nessundove”. Strutture e sovrastrutture, inevitabilmente. Il poeta quindi è parte attiva nel processo costruttivo di una cultura … Continua a leggere POESIA COME SCELTA NECESSARIA – FRANCO FORTINI -FLASHES E DEDICHE 12. (a cura di G.Maffii)-

LA PASQUA DEI VAMPIRI OVVERO LA POESIA COME FORMA D’ARTO. FLASHES E DEDICHE (a cura di Giulio Maffii) – 10.

FLASHES E DEDICHE Non soltanto le mucche non leggono Montale ma a quanto pare neanche certi editori. Mi trasformo quindi in un “poeta” da social, tipo coloro che aggiungono la qualifica di “scrittore” o appunto “poeta” al proprio nome, si creano una pagina “artista” e pubblicano i propri pensierini patetico-elementari, alimentati da gabbiani e Io, che si concludono, dopo un rullo di tamburo, con la famigerata scritta “tutti i diritti riservati”. Ho provato a fare un esperimento. Nel giro di poche ore ho realizzato un file con una trentina di poesie. Le poesie erano frammenti di liriche di poeti consacrati … Continua a leggere LA PASQUA DEI VAMPIRI OVVERO LA POESIA COME FORMA D’ARTO. FLASHES E DEDICHE (a cura di Giulio Maffii) – 10.

Occhio al testo (4). Rocco Scotellaro: Campagna

di Diego Conticello L’itinerario poetico di Rocco Scotellaro si snoda sui cardini della denuncia, dell’invettiva sociale – sulla scorta dell’attività politica dell’autore e della partecipazione ai movimenti contadini all’indomani della Liberazione – e del rifugio nella natura come ultima risorsa … Continua a leggere Occhio al testo (4). Rocco Scotellaro: Campagna

Ostinato Faldone – Vladimir D’Amora legge Vincenzo Ostuni

Ostinato Faldone 1. La scrittura (anche poetica) di Vincenzo Ostuni, via quel getto di frasi monstruose e gettato e costruitissimo – nettezza centrifuga e mostrazione di pendenze sciolte e, insieme, compiute. Il Faldone ostuniano è una scrittura della dissoluzione – … Continua a leggere Ostinato Faldone – Vladimir D’Amora legge Vincenzo Ostuni