Giuseppe Martella su “Dire” di Fabio Michieli, L’arcolaio, 2019

di  Giuseppe Martella  Fabio Michieli, Dire, L’arcolaio, 2019 Dire, di Fabio Michieli, puntava, già dalla prima edizione del 2008, sull’ambivalenza di significato della prima persona “dico” che, in latino, appartiene sia al verbo “dīcĕre”, dire, della terza coniugazione che al verbo … Continua a leggere Giuseppe Martella su “Dire” di Fabio Michieli, L’arcolaio, 2019

Svenimenti a distanza, Mario Fresa – una recensione di Emilio Risso

di Emilio Risso   Analisi ironicamente sofferta dell’alienazione del presente e del continuo senso di perdita di identità dell’uomo contemporaneo, Svenimenti a distanza di Mario Fresa (Il Melangolo) è un libro eccentrico e nervoso, in cui l’autore si abbandona a … Continua a leggere Svenimenti a distanza, Mario Fresa – una recensione di Emilio Risso

Teatro Greco di Tindari/Aiace di Sofocle – David Coco nel dramma dell’onore offeso

di Marta Cutugno  “Nobilmente vivere o nobilmente morire deve l’uomo ben nato” Tindari. Aiace di Sofocle. La tragedia presumibilmente più antica dell’ateniese è andata in scena, per la regia di Giovanni Rizzuti, martedì 20 agosto al Teatro Greco di Tindari … Continua a leggere Teatro Greco di Tindari/Aiace di Sofocle – David Coco nel dramma dell’onore offeso

Varietà, amore e pasticci in “Marionette, che passione!” – Compagnia Carullo Minasi

di Marta Cutugno Catania. “Marionette, che passione!”, riuscitissimo spettacolo dei Carullo Minasi dal 6 al 18 luglio per “Estate al Castello Ursino“. La rassegna è promossa dal Teatro Stabile in collaborazione con il Comune di Catania. Meravigliosa location è la … Continua a leggere Varietà, amore e pasticci in “Marionette, che passione!” – Compagnia Carullo Minasi

Pillole di poesia – Serena D’Arbela

di Ilaria Grasso Il primo articolo della Costituzione italiana dice che l’Italia è “una Repubblica democratica, fondata sul lavoro” e che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Il lavoro è essenzialmente … Continua a leggere Pillole di poesia – Serena D’Arbela

SOGNILOQUI di Stefano Taccone, IOD Edizioni, 2018 – recensione di Ivano Mugnaini

di Ivano Mugnaini Esiste un tipo di narrativa che, sul modello della filosofia, ma anche della musica e di altri ambiti artistici che mettono in connessione la ragione e l’immaginazione, esplora le zone di confine e si nutre di contrasti, … Continua a leggere SOGNILOQUI di Stefano Taccone, IOD Edizioni, 2018 – recensione di Ivano Mugnaini

CONSONANZE E DISSONANZE / Del proprio e dell’altrui: “Bubuluz” (Edizioni del Verri, 2017) di Rodolfo Zucco

Giocando sul titolo della prima parte di Bubuluz – “Distrazioni, restituzioni” – un buon rimedio alla mia personale distrazione rispetto al libro di Rodolfo Zucco, uscito ormai due anni fa per le Edizioni del Verri, è certamente quello di parlarne … Continua a leggere CONSONANZE E DISSONANZE / Del proprio e dell’altrui: “Bubuluz” (Edizioni del Verri, 2017) di Rodolfo Zucco

Teatro Vittorio Emanuele: un grande Milenkovich per un piccolo pubblico

di Marta Cutugno Messina. Musiche di Beethoven, Bruch, Sarasate e Brahms al Vittorio Emanuele per il Concerto Sinfonico che venerdì 3 e domenica 5 maggio ha visto protagonisti il violinista Stefan Milenkovich e l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele sotto la … Continua a leggere Teatro Vittorio Emanuele: un grande Milenkovich per un piccolo pubblico

AFFABULAZIONE – il Pasolini di Giovanni Gionni Boncoddo

di Marta Cutugno Messina. Quasi 44 anni senza Pier Paolo Pasolini. Esistenza incontenibile, voce scomoda del suo tempo e di ogni tempo per la ferma attualità che ne attraversa opera, scritti e pensiero, oltre ogni epoca. Necessario Pasolini, lo è … Continua a leggere AFFABULAZIONE – il Pasolini di Giovanni Gionni Boncoddo

CONSONANZE E DISSONANZE / Sulla leggibilità del font: “Caratteri” (Vydia, 2018) di Francesco Terzago

Se convenzionalmente inteso, non è certo un problema di leggibilità a nascere dalla lettura dei Caratteri (Vydia, 2018) di Francesco Terzago. D’altronde, risale a più di otto anni fa un intervento di Francesco Terzago (firmato a otto mani insieme a … Continua a leggere CONSONANZE E DISSONANZE / Sulla leggibilità del font: “Caratteri” (Vydia, 2018) di Francesco Terzago

“Il Mio Nome è Caino”- l’amara normalità del male in musica e parole

di Marta Cutugno “Non sono un assassino. Ho soltanto imparato ad amministrare la morte, che è un’altra cosa” Messina. Tempi intensi, la voce ferma di un killer e la musica proveniente da un Beichstein. Ieri sera al Teatro Savio, la prima … Continua a leggere “Il Mio Nome è Caino”- l’amara normalità del male in musica e parole

CONSONANZE E DISSONANZE / Il senno o almeno il mirto: “Nella notte cosmica” (Luca Sossella, 2016) di Roberta Durante

Questa recensione è stata pubblicata nel 2017 sul numero LVI della rivista Semicerchio.   Considerando a volo d’uccello, e senz’alcuna pretesa di esaustività, il panorama di generi, temi e stili disegnato dalle opere di poesia pubblicate negli ultimi anni in … Continua a leggere CONSONANZE E DISSONANZE / Il senno o almeno il mirto: “Nella notte cosmica” (Luca Sossella, 2016) di Roberta Durante

Vittorio Emanuele: “Giulietta e Romeo” o della tristezza di una traccia audio

di Marta Cutugno Messina. Al Vittorio Emanuele, resta in programmazione fino a domani domenica 17 marzo il balletto in due atti liberamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare con le coreografie di Fabrizio Monteverde, sulle musiche di Sergej Prokof’ev, una … Continua a leggere Vittorio Emanuele: “Giulietta e Romeo” o della tristezza di una traccia audio

“SEI” di Scimone e Sframeli: un dramma lieve in contrappunto

di Marta Cutugno “O perché – mi dissi – non rappresento questo notissimo caso d’un autore che si rifiuta di far vivere alcuni dei suoi personaggi, nati vivi dalla sua fantasia, e il caso di questi personaggi che, avendo ormai … Continua a leggere “SEI” di Scimone e Sframeli: un dramma lieve in contrappunto

CONSONANZE E DISSONANZE / Non una lingua pacifica, amena e del tutto innocua: “Il lavoro meccanico. Un’apocalissi in 4 tempi” (Oèdipus, 2016) di Gianluca Rizzo

Alcuni mesi fa, si scriveva in questa rubrica, di un libro ingiustamente passato in sordina come la traduzione de I dodici di Aleksandr Blok (e insieme di Paul Celan), firmata da Dario Borso per i tipi dell’Arcolaio. Stessa sorte mi … Continua a leggere CONSONANZE E DISSONANZE / Non una lingua pacifica, amena e del tutto innocua: “Il lavoro meccanico. Un’apocalissi in 4 tempi” (Oèdipus, 2016) di Gianluca Rizzo

CONSONANZE E DISSONANZE / I giorni del Titano: “Colpo di Stato nella San Marino rossa” (Besa, 2018) di Daniele Comberiati

Sono passati 62 anni dai “giorni del Titano” citati nel titolo di quest’articolo, ossia dal colpo di mano con il quale la Repubblica di San Marino passò, nel 1957, dalla guida di una coalizione socialista e comunista a quella di … Continua a leggere CONSONANZE E DISSONANZE / I giorni del Titano: “Colpo di Stato nella San Marino rossa” (Besa, 2018) di Daniele Comberiati