images

Devendra Banhart a Milano: ed è subito un’altra musica

di Libera Capozucca Lo scorso Settembre l’avevamo lasciato a Milano in occasione dell’evento “D musica & altro” con un nuovo album in uscita. Da allora “Ape in pink Marble” ha ottenuto positivi consensi come nono album dell’artista texano, rivelando “un … Continua a leggere Devendra Banhart a Milano: ed è subito un’altra musica

image

Consonanze e dissonanze di Lorenzo Mari – Sull’esilio, ancora e ancora

CONSONANZE E E DISSONANZE Sull’esilio, ancora e ancora. “Persona minore” (Qudu, 2015) di Giancarlo Sissa Oltre ad aver considerato libri come Manuale di insonnia (2004) una lettura preziosa, se non fondamentale, nella mia ‘formazione’ – e qualunque cosa questo termine … Continua a leggere Consonanze e dissonanze di Lorenzo Mari – Sull’esilio, ancora e ancora

IMG_9687

Attilio Manca e la “Vinafausa” di Simone Corso al Cortile-Teatro Festival

di Marta Cutugno “Non so cosa farò da grande. So solo che inventerò qualcosa” – Attilio Manca (III media) Attilio. Raccontare di Attilio non può lenire quel profondo senso di rabbia e sconcerto che coglie dopo l’analisi attenta dei fatti … Continua a leggere Attilio Manca e la “Vinafausa” di Simone Corso al Cortile-Teatro Festival

IMG_9675

Shakespeare ed il “Sogno di una notte di mezza estate” al Monte di Pietà

di Marta Cutugno “Mi piace quando le cose vanno alla rovescia” – Robertino Puck Messina. Sotto un cielo di stelle, dinanzi la scalea del Monte di Pietà, si conclude il “Piccolo Festival Shakesperiano” diretto da Daniele Gonciaruk. Alle suggestioni noir … Continua a leggere Shakespeare ed il “Sogno di una notte di mezza estate” al Monte di Pietà

IMG_9402

Shakespeare Horror Story – Il tradimento: itinerario macabro in simbiosi con il pubblico

di Marta Cutugno Messina. Il “Piccolo Festival Shakespeariano”, evento teatrale nato da un progetto del regista Daniele Gonciaruk, apre i battenti con “Shakespeare Horror Story – Il tradimento”. Ad un anno dalla prima edizione della rassegna, il Forte San Salvatore … Continua a leggere Shakespeare Horror Story – Il tradimento: itinerario macabro in simbiosi con il pubblico

IMG_9035

DEPECHE MODE: Global Spirit Tour – un ponte onirico tra passato e presente

di Libera Capozucca David Gahan sta bene, anzi benone direi. Da tempo non mostra il viso smunto da new romantic degli anni più bui, e appare solido, maturo, pieno di energia e buone intenzioni. Correva il 1981 quando i Depeche … Continua a leggere DEPECHE MODE: Global Spirit Tour – un ponte onirico tra passato e presente

esistenza amorosa

Eros e thànatos nella poesia di Basilio Reale: “L’esistenza amorosa” e “Parole sottratte alle abitudini”

Le liriche de L’esistenza amorosa[1] (e forse per la prima volta le poesie di Basilio Reale possono dirsi “liriche”), costituiscono il definitivo superamento dei toni da “tecnologismo urbano” delle raccolte precedenti, mostrando ora una certa complicità col ‘cantabile’, con l’idillio … Continua a leggere Eros e thànatos nella poesia di Basilio Reale: “L’esistenza amorosa” e “Parole sottratte alle abitudini”

federica

Lo spazio, la scena, il sogno. La poesia-canto di Federica Giordano (di Mario Fresa)

1. «Spaccalo in due / questo silenzio, / con la parola fendente.» Nei versi forti di Federica Giordano c’è il senso di una continua approssimazione ad una soglia che, appena premuta e superata, ne mostra subito un’altra, e un’altra ancora: … Continua a leggere Lo spazio, la scena, il sogno. La poesia-canto di Federica Giordano (di Mario Fresa)

ricambi

Per una poesia ‘protesica’: Basilio Reale – “I ricambi”

Le dodici ‘sequenze’ de I ricambi[1] prendono forma nel biennio 1965-1967; alcune di esse verranno pubblicate già nel 1966 su <<Paragone>>[2], la rivista di Roberto Longhi e Anna Banti, mentre l’intera raccolta vedrà la luce solo nel 1968, presso l’innovativa … Continua a leggere Per una poesia ‘protesica’: Basilio Reale – “I ricambi”

la vita attiva

Un tecnologico che sovverte la tradizione. Basilio Reale – La vita attiva

Le quindici poesie de La vita attiva[1] sono state pensate e composte da Reale nei ferventi anni (1959 – 1963) dell’arcinoto dibattito culturale fra <<letteratura e industria>>, in un clima dunque dove l’accesa attività editoriale de Il menabò, la rivista … Continua a leggere Un tecnologico che sovverte la tradizione. Basilio Reale – La vita attiva

quotidiane abitudini

Cronaca di un riscatto delle cose: Basilio Reale – Le quotidiane abitudini

<<A Milano, negli anni dell’Università, l’analogia tra mare e ispirazione si trasformò con naturalezza in analogia tra mare/notte/ispirazione>>[1]: non vogliamo affatto credere che il passaggio dalla prima a questa seconda raccolta di Reale si possa condensare in cotanta immediatezza. Se … Continua a leggere Cronaca di un riscatto delle cose: Basilio Reale – Le quotidiane abitudini

forse il mare

Oscillare tra mestizia e ambizione. Basilio Reale – Forse il mare

<<Ventidue gli anni, venti le liriche di Forse il mare: […] musica lieve, quasi assorta, e l’aria di malinconia (nata da un colore, da un gesto dell’uomo) incrina la parola, la rompe, la fa viva>>. Così Raffaele Crovi sulle poesie … Continua a leggere Oscillare tra mestizia e ambizione. Basilio Reale – Forse il mare