FLASHES E DEDICHE – 63 – CHE GIOIA LA RIMOLO

Riprende da oggi la rubrica e parliamo di  un libro che merita veramente una lettura approfondita. Temeraria gioia  (Ladolfi Ed.2017) della Rimolo è una bella scoperta. Una autrice che non “teme” la sua scrittura, anzi esplora il linguaggio e l’argomento prismaticamente. Per sua stessa ammissione si parte da un concetto Ovidiano della gioia per arrivare al lato oscuro, meno conosciuto e identificabile della gioia stessa. L’importanza del libro risiede anche e comunque, nella personalità del dettato e nella padronanza stilistica. La Rimolo nonostante la giovane età è studiosa vera e preparata accuratamente ed ha assimilato bene la lezione del miglior Novecento. Se alcune tematiche vengono scambiate per “iconografie ermetiche” siamo fuori luogo. La Rimolo ha “carattere” e forza propria. Non ruba e non imita eliottianamente parlando, riesce a fare una gioia persona e solitaria ma piena allo stesso tempo di storia altrui.temerariagioia

 

 

 

 

Chissà se per alcuni minuti
siamo rimasti stretti nella gioia:
attorno tutto indicava che il rito
stava per compiersi, che aspettava
solamente questa congiuntura supposta
bramata ed intanto
il dolore è sordo, altrove i gelsomini
coprono i semafori si arrampicano
sopra le vertebre dolenti. Attraversiamo
una intera dorsale di libri ed ore ed ore
anche se tutto sembra compresso
vissuto per quel solo momento
benedetto nel nome di tutte
le morti dell’indifferenza, quelle
creature soppresse da un’attesa
fracassata e marcia: ancora restiamo
nell’epoca, dopotutto, e di nuovo a ritroso
si percorrono i destini, ogni cosa
ricade nell’accadersi e si concentra
in un solo segreto sorriso.

 

 

 

Per la parola noi siamo andati oltre,
siamo stati macigni che planano
sopra i campi di girasole: oggi la gioia
scorre dai tornanti della gola
sfocia tra gli interstizi occlusi
del diaframma per metà
ci orienta al sole,
fissa per sempre il tuo verso
sopra la tavola, per questo gli eroi,
per questo la casa, la biblioteca,
il tuo mantice sopra il mio.                                   temeraria2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *