Gli Skunk Anansie in concerto a Milano: il rock è cool e vince sempre

 

di Libera Capozucca

Il discorso gira per gran parte intorno al concetto di cool che, in fondo, vuol dire essere alla moda fingendo di fregarsene. Sabato 28 Gennaio, il palco del forum di Assago si è acceso per lo spettacolo di una delle artiste più cool del momento e della sua band: Skin e gli Skunk Anansie. Un energico, applauditissimo live dove resti sedotto dal muoversi sinuoso di una pantera che attacca con voce ruggente e bellezza. Tra pose in primo piano sotto i riflettori, immersa in giochi di luce da sballo, Skin è sempre protagonista con tuta futuribile e ardente vocalità. Forse non più limpida come una volta – i primi dischi risalgono a venti anni fa – ma sempre emozionante, soprattutto quando interpreta le memorabili canzoni di Stoosh: Hedonism (Just because you feel good); Twisted (Everyday hurts); Yes it’s fucking political) e di Post orgasmic chill (You’ll follow me down sopra tutte) che l’hanno resa celebre, di certo molto prima delle sue apparizioni televisive.

images (1)

Al seguito la corte dei musicisti che, con implacabile vigore, si accaniscono su chitarra, basso e batteria sviluppando aspre melodie alla vitamina C. E il pubblico, rinvigorito da spremute di suoni, balla su ritmi isterici e si rilassa su flussi di parole. Vibrazioni elettroniche e rock scuotono il palazzetto, entro aggressività visive, con Love someone else, And here I stand, Charlie big potato solo per citarne alcune. La mistura di funky, rock e pop convince il pubblico, la cui attenzione si accende di continuo senza spegnersi mai. Il set alterna successi vecchi e nuovi (My ugly boy, because of you, We dont’ need who you think you are..) riassumendo la ventennale carriera di una band la cui leader è formula magica di carisma e fascino. Il concerto scivola via in un’ora e mezza di prevedibile successo, fino al trionfo dei bis. In sintesi allora, quale parola per definire la performance degli Skunk Anansie e il sex appeal di Skin? Cool, very cool cari amici.

download

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *