Roma: “Un uomo a metà” debutta al Teatro Brancaccino dall’11 al 19 febbraio – regia di Roberto Bonaventura

“Non ci può essere futuro in un mondo in cui un profumo si chiama Arroganza”

Pochissimi giorni all’ atteso debutto romano per “Un uomo a metà” di Giampaolo G. Rugo, regia di Roberto Bonaventura. Lo spettacolo, già Premio Per voce sola 2014 e vincitore del E45 Napoli Fringe Festival 2015, andrà in scena al Teatro Brancaccino di Roma dall’ 11 al 14 ed il 18 e 19 febbraio. L’uomo a metà è Giuseppe, interpretato da Gianluca Cesale che ricordiamo come protagonista in “Pali” di Spiro Scimone (Premio UBU nuovo testo italiano del 2009) e in “Seconda primavera” per la regia di Francesco Calogero, dal 4 febbraio nelle sale cinematografiche.

Giuseppe è un rappresentante di articoli religiosi, figlio di due pensionati che sperperano tempo e denaro in una sala bingo e nipote di un anziano fascista e reduce di guerra sulla sedia a rotelle. È legato sentimentalmente a Maria, la figlia del proprietario del più grande negozio romano di arte sacra. Il matrimonio è ormai alle porte ma, come recitano le note di regia, “Giuseppe è impotente. Nel greve rito d’addio al celibato con gli amici, però, l’epifania rivelatrice. La carica dirompente di questa scoperta porta l’uomo a realizzare una parte di sé nascosta che metterà in luce e rivoluzionerà il rapporto col mondo che lo circonda fino alle più estreme conseguenze. Una riflessione sul senso più intimo dell’impotenza, sessuale e intellettiva, intesa come l’ultimo grimaldello per svelare i conformismi – latenti o ostentati – della nostra società. Nella gabbia vuota e blindata di un palcoscenico l’Uomo a metà si interroga sulla libertà individuale e sui doveri sociali”.

image
Un uomo a metà” è una produzione de “Il Castello di Sancio Panza” in collaborazione con la Fondazione Campania dei Festival. Nata nel marzo 2003 a Messina e fondata dal regista Roberto Bonaventura e l’attrice Monia Alfieri, l’Associazione “Il Castello di Sancio Panza” costituisce una affermata realtà sul territorio con già all’attivo produzioni di rilievo tra cui “Due passi sono” della coppia Carullo-Minasi (premio Scenario per Ustica 2011) e i recenti “Andorra” di Max Frisch, “Il dubbio, qui. Intorno” da Samuel Beckett (con Donatella Bartoli, Alessio Bonaffini e le musiche originali del cantautore Fabio Cinti) e “Mostrocaligola” con Monia Alfieri, Antonio Alveario, Raimondo Brandi, Gianluca Cesale e Ferruccio Ferrante, co-prodotto dal Teatro di Messina. Dal 2008 “Il Castello di Sancio Panza” organizza, presso il Parco Ecologico san Jachiddu di Messina, il ForteTeatroFestival e il ForteBimbi, due rassegne estive di spettacoli teatrali provenienti da tutta Italia. Tra i tanti artisti passati dal Parco San Jachiddu ricordiamo Ascanio Celestini, Cesar Brie, Berardi-Casolari, Scimone-Sframeli, Teatrino Giullare, Emma Dante.

Il testo è di Giampaolo G. Rugo, scene e costumi di Francesca Cannavò, amministrazione Marilisa Busà, foto di scena Giuseppe Contarini.
Firma la regia Roberto Bonaventura che vanta collaborazioni stabili con la compagnia Scimone-Sframeli e con la compagnia Carullo-Minasi. Aiuto-regista di Ninni Bruschetta, Massimo Romeo Piparo, Walter Manfrè, Vetrano-Randisi e autore di numerosi cortometraggi e documentari, Bonaventura è attivo dal 1996 in ruoli tecnici negli allestimenti di diverse tournée teatrali e per dieci anni fa parte dell’organizzazione del Festival di Santarcangelo dei Teatri. Nel 2002 debutta alla regia al Teatro di Leo di Bologna. Nel 2003 fonda “Il Castello di Sancio Panza”. È direttore artistico del ForteTeatroFestival dal 2008 e conduce laboratori teatrali per il Teatro di Messina e per l’Università di Messina.

mc

INFO
Indirizzo teatro: Via Merulana, 244 – 00185
Telefono: 06 80687231
Indirizzo mail: botteghino@teatrobrancaccio.it – promozione@teatrobrancaccio.it
Orario spettacoli: dal giovedì al sabato ore 20.00 | domenica ore 17.30
Sito web: http://www.teatrobrancaccio.it/brancaccino/il-teatro-brancaccino.html
Altre info: Orario botteghino: lunedi-sabato ore 10.00/19.00 – domenica ore 10.00/18.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *