FLASHES E DEDICHE – 75 – LA MARTINEZ AD LIBITUM

Ci sono libri di poesie che difficilmente trovano una collocazione definitiva o standardizzazioni. Uno di questi è sicuramente “La bottega di via alloro “ (Lietocolle 2013) di Daìta Martinez. La scrittura della Martinez è un melting pot,  profuma, è sensoriale, una sinestesia nel corpo della parola. Decostruisce il dettato e la punteggiatura quasi fosse un dada comprensibile. La mezcla linguistica approda agli occhi e  allo stomaco, non lascia indifferenti. La bottega in fondo è la Martinez stessa, poeta/poesia,  lingua e straniamento. Proprio un bel lavoro costruito con perizia architettonica, rompendo gli schemi ingegneristici, contro l’integralismo semantico. La parola scorre di una bellezza assoluta ed il lettore è sempre sotto osservazione; il testo scruta  chi osserva in uno scambio ai limiti di un “fantastico  razionale”. È un lavoro che si presta ad una ri-ri-ri lettura continua, ad libitum.

 

 

 

 

. imparando a dimenticare il nome

un possibile è rimasto alla cornice

voltata a un cantico copriva acerba

la visione del basilico infilato

 

                                                                                                  al cielo

 

ancora da cominciare parola la difesa

in ogni vuoto attorcigliato ai grani di

una catenella d’infanzia che era una

promessa il rame quando a dipingersi

 

                                                                                                  bastavano

 

le tegole lasciate ad asciugare sulla sedia

e un pizzicotto di terra a sciogliersi sopra

le ferite arrivate domani all’imbrunire delle

ciglia più tardi la protesta e il tovagliolo

 

                                                                                        piegato nella cura

 

del cotone quasi a strappare le mani per il troppo

buio o per la lingua che non ha l’intenzione dei panieri

sul cortile nei giorni tagliati dietro la persiana incipriata d’alloro

o nascono solo dei minuti appesi al silenzio della porta con davanti

 

                                                                                                    un dondolo

 

immaginato lento a una pignata

 

                                                                                     e

 

                                                                               g i r a g i r a g i r a

 

                                                                         mentre a credere è l’acqua .

 

 

 

 

*

 

. nascondi questo spazio vuoto

legarsi legarmi legarti gli occhi

poi silenzio scende dai momenti

il giro impetuoso di corda oscilla

smalto sulla lingua fumando noi

significante circostanza l’addosso

dell’erba abbreviata cantilena dèi .

 

 

*

 

. una macchia così il garofano

 

i m i t a

si

i m i t a

 

linguaggio l’avamposto dallo

straccio una bambola pettina

fili a smontare dal grembiule

il giorno bucato alla serranda

fatta scendere di spilli educati

storti cancellando la struttura

nei ricordi schiacciati a colpire

 

nel

c a s s e t t o

p o i

 

un rigo d’aria nasconde l’aiuola .

 

 

*

 

schizofrenica insolenza delle acque

sgorgate odore sulla vertebra del tinello

sbottonata la marcia del polso nutrito d’avvento

che invade il sapore dei limoni attorcigliati tra

i guanti allevati suono in quel masticare verbo

come certe ore deglutite allo scadere della sera

 

Un pensiero su “FLASHES E DEDICHE – 75 – LA MARTINEZ AD LIBITUM

  1. immaginifica eppure così tangibile, la poesia di Daìta, da creare un effetto straniante che cattura al suo interno e finisci con l’innamorartene.
    Mirella C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *