I luoghi e le scritture (rubrica di Antonio Devicienti): Zbigniew Herbert, Antichi Maestri, l’anno herbertiano

La Camera dei Deputati della Polonia ha proclamato il 2018 anno dedicato alla figura e all’opera di Zbigniew Herbert nel ventesimo anniversario della morte; mi piace non poco l’idea di aprire il nuovo anno proprio con un invito alla lettura e allo studio di uno dei poeti più interessanti, originali e complessi del XX secolo non solo polacco.

Non conoscendo, purtroppo, la lingua polacca, ho consultato l’edizione tedesca, quella francese e quella inglese della raccolta Rapporto da una città assediata del 1983 e mi sono provato a “tradurre” una lirica herbertiana; eccola (le parole in corsivo sono in italiano nel testo originale):

GLI ANTICHI MAESTRI

Gli Antichi Maestri
lavorarono nell’anonimato

le loro firme erano
le bianche dita delle Madonne

o le torri rosa
d’una città sul mare

anche scene dalla vita
della Beata Umiltà

si dissolsero
in sogno
miracolo
crocifissione

trovarono rifugio
sotto la palpebra dell’Angelo
dietro colline di nubi
nell’erba fitta dell’Eden

annegarono totalmente
nel firmamento dorato
senza grida di terrore
né il desiderio d’essere ricordati

le superfici da loro dipinte
sono lisce come uno specchio
non specchi per noi
ma specchi per gli eletti

……….io v’invoco, Antichi Maestri,
……….negli ardui momenti del dubbio

……….fate in modo che la pelle di serpente
……….dell’orgoglio cada via da me

……….rendetemi sordo
……….alle tentazioni della fama

……….io v’invoco, Antichi Maestri,

……….Pittore della Pioggia di Manna
……….Pittore degli Alberi Ricamati
……….Pittore della Visitazione
……….Pittore del Sacro Sangue

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *