Dopo mezzo secolo di oblio si spezza l’incantesimo: riapertura ufficiale delle Rocce di Taormina

Giovedì 27 luglio (ore 10.30) la conferenza stampa di presentazione

Prende corpo il progetto di riqualificazione del sito ad opera del mecenate Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara d’Arte. Dal 27 luglio al 27 settembre i visitatori potranno ammirare una serie di mostre fotografiche dal titolo Incantesimo.

Pietra 7 - Foto di Giovanni Pepi

Dopo mezzo secolo di abbandono si spezza finalmente l’Incantesimo alle Rocce di Capo Mazzarò. Il poggio sospeso in una delle baie più belle della Sicilia viene restituito ai cittadini, al popolo e al mondo grazie all’impegno di Antonio Presti: il mecenate siciliano sta guidando infatti il percorso di riqualificazione di questo paradiso perduto, oggi al centro di un progetto di rilancio internazionale attraverso l’arte e l’impegno civile. Uno spazio che rivivrà dunque nel nome del paesaggio e grazie al valore etico ed estetico che ha sempre caratterizzato l’identità di Fiumara d’Arte; giovedì 27 luglio, alle ore 18.30, a sette mesi di distanza dalla firma del comodato d’uso siglato con la Città Metropolitana di Messina, avrà luogo l’apertura ufficiale al pubblico di un sito reso nuovamente fruibile dopo decenni di incuria e degrado.
Le Rocce, consegnate per cinquant’anni al nulla e all’invisibile, alla dimenticanza e all’indolenza, rinasceranno grazie alla luce e alla Bellezza: “Voglio presentare alla collettività la favola di un luogo rimasto intatto nella sua purezza dopo un lungo incantesimo. Questo mondo fatato ha resistito a speculazioni e interessi opachi, ora è il momento che le nuove generazioni siano protagoniste del lieto fine”, afferma Antonio Presti. L’apertura sarà solo il primo passo di una lunga serie di iniziative che condurranno alla realizzazione di un complesso artistico-monumentale sull’esempio del museo a cielo aperto strutturato in oltre trent’anni nella Valle dell’Halaesa e dell’Atelier sul Mare di Castel di Tusa. “La nostra vita è un comodato d’uso offerto dall’Universo: l’esistenza non è possesso, ma condivisione. Recuperiamo uno spazio unico, profanato dal disinteresse della politica e dall’avidità di chi avrebbe voluto sfregiarlo – spiega il mecenate – costruiremo intorno al paesaggio un nuovo codice di fruizione: aboliremo la logica del cemento nel pieno rispetto di questo luogo, con le anime tese a quell’orizzonte che si apre davanti agli occhi. La Fondazione sta già lavorando per consentire a questo poggio incantato di dare cittadinanza all’Arte in tutte le sue forme”.
Prima testimonianza di questa rigenerazione nell’articolato programma inaugurale. Ad accogliere i visitatori – fino al 27 settembre – una serie di mostre fotografiche dal titolo Incantesimo: sotto questa insegna si svilupperanno i percorsi dedicati alla memoria delle Rocce (con progetti originali, studi e immagini d’epoca provenienti dal Fondo Spatrisano; allestimento a cura dell’arch. Francesca Carditello), alla testimonianza della storia della Fondazione Fiumara d’Arte e dell’Atelier sul Mare e infine alla dolce vita degli anni ’60 con le suggestioni di Taormina Cinema (a cura di Ninni Panzera). Il giorno prima, il 26 luglio (ore 19), preludio a Castelmola con un’esposizione firmata dal fotografo Giovanni Pepi, un’ampia ricognizione tra passato e presente dell’ex villaggio turistico di Capo Mazzarò. La mostra, realizzata grazie alla collaborazione del sindaco Orlando Russo e del vicesindaco Eleonora Cacopardo, sarà ospitata per l’intera stagione estiva al Castello di Mola (tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 21) con ingresso gratuito. Tutte le attività promosse sono sostenute dal Consorzio Valle dell’Halaesa e dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali.
La conferenza stampa di presentazione dell’intero progetto è programmata per giovedì 27 luglio (ore 10.30) alle Rocce; saranno presenti il presidente della Fondazione Fiumara d’Arte Antonio Presti, l’assessore regionale alla Cultura Carlo Vermiglio, i sindaci Renato Accorinti (Città Metropolitana di Messina), Eligio Giardina (Taormina) e Orlando Russo (Castelmola) oltre all’ex commissario straordinario della Provincia Filippo Romano, al presidente del Consorzio Valle dell’Halaesa Giuseppe Franco e al segretario generale di TaoArte Ninni Panzera. Contestualmente sarà anche illustrata la campagna di fundraising che la Fondazione vuole condurre nei prossimi mesi in previsione di un sempre più ampio coinvolgimento del territorio alle sorti di un bene finalmente restituito alla comunità artistica internazionale.

Rocce 2
LA STORIA
Il Villaggio Le Rocce fu realizzato per volontà dell’Assessorato Regionale al Turismo e inaugurato nel 1954. Erano gli anni del dopoguerra, un momento denso di tensioni e di aspettative: il turismo rappresentò in quella fase uno dei principali strumenti di cui si avvalse la Regione per attivare la ripresa economica e avviare sostanziali trasformazioni territoriali.
L’insediamento originale era stato pensato con estrema cura del contesto, creando quindi una relazione ininterrotta con il paesaggio e l’ambiente circostante in un momento storico che vedeva l’ascesa di Taormina come destinazione privilegiata del turismo internazionale, ma anche della emergente classe media italiana figlia del boom economico. Il bene ha poi vissuto fasi alterne causate dall’immobilismo amministrativo, fino alla definitiva chiusura avvenuta all’inizio nel 1972. Da quel momento la mancanza di cura e manutenzione dei luoghi ha lasciato che degrado e abbandono prendessero il sopravvento. Negli ultimi anni l’ex Provincia Regionale di Messina, oggi Città Metropolitana – proprietaria del sito – aveva avviato un percorso di riqualificazione attraverso un project financing finalizzato alla realizzazione di un albergo di lusso. Oggi l’idea di Antonio Presti e della sua Fondazione Fiumara d’Arte, accolta con favore dagli enti territoriali e dalle associazioni dei cittadini, traduce in realtà il desiderio collettivo di recupero di un luogo straordinariamente panoramico per esaltarne la sua storica vocazione naturalistica in un’ottica di trasformazione in centro di aggregazione culturale di carattere internazionale.

Pietra 4 - Foto di Giovanni Pepi
PROGRAMMA

CASTELMOLA, mercoledì 26 luglio: ore 19, inaugurazione al Castello di Mola della mostra di Giovanni Pepi dedicata alla storia delle Rocce; ingresso libero.

TAORMINA, giovedì 27 luglio: ore 10.30, conferenza stampa di presentazione del progetto della Fondazione Fiumara d’Arte per le Rocce alla presenza della maggiori cariche istituzionali; ore 18.30 inaugurazione del sito e apertura ufficiale al pubblico.

TAORMINA, da venerdì 28 a domenica 30 luglio: dalle ore 10 alle 20 visita guidata delle Rocce; ingresso libero.

COME RAGGIUNGERCI

IN AUTO: percorrere l’autostrada A18 Catania-Messina o Messina-Catania fino allo svincolo di Taormina, immettersi su via Nazionale (SS 114) in direzione Catania. L’ingresso delle Rocce è adiacente all’Hotel Atlantis Bay.
IN TRENO: dalla stazione Taormina-Giardini immettersi su via Nazionale in direzione Messina per circa 3 km.

Le Rocce di Capo Mazzarò
Via Castelluccio, 10
per maggiori informazioni rivolgersi ad Elisa Aucello (333 7241142) e Domenico Colosi (393 1276741)
Contatti: su facebook Fondazione Fiumara d’Arte Sicilia – Antonio Presti; www.ateliersulmare.it

Rocce 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *