FLASHES E DEDICHE – 57 – SOMETHING IS ROTTEN ? PREMI E OPERE PRIME

Ho diversi libri in lettura ed anche interessanti, questa settimana però mi soffermo a parlare brevemente di un premio di poesia, uno dei più famosi : il Camaiore. Dispiace molto che pochi giorni fa se ne è andato il deus ex machina del premio, Francesco Belluomini, uomo serio e di cultura. Il premio però continua così come continuano al pari di altri concorsi le cose che non  piacciono. Partiamo da un presupposto: i premi li vincono i “nomi”. I poeti laureati, ovvero le cariatidi, le munnezze capi di cricche di leccaculo. Non è possibile (e basta leggere i risultati) che i premi più importanti (fama e soldi) vadano sempre agli stessi che non scrivono neanche capolavori ma che pubblicano per il gotha (risibile e immaginario) editoriale. Quindi nome+casa editrice importante=consacrazione=soldi=impossibilità di vedere le cose fatte in maniera giusta. Libercoli che se fossero pubblicati da un piccolo editore e scritti da un Rossi qualunque passerebbero ancor più che inosservati ma ahimè tutti tacciono, tutti acclamano. Non è possibile criticare o contestare…”se dico qualcosa poi nessuno mi caga”, “se critico poi parlerà male di me” etc etc…che noia, che senzapalle, i tiepidi facevano schifo pure ad un certo Gesù Cristo. Torniamo al nostro premio Camaiore. L’anno scorso mi imbattei, come ho già scritto, in una infelice uscita di un giurato a 3 giorni dalla nomina dei finalisti..” di là ho 170 libri da leggere ma cosa vuoi, ci sono i migliori “nomi”, scegliere è facile”…bella serietà in barba anche al buon Belluomini. La giuria popolare poi sovvertì ogni pronostico (o pastetta) e vinse Vacca. Quest’anno sono appena usciti i nomi dei 5 finalisti e pur non condividendo alcune scelte si rispetta sempre il volere di una “giuria”. Il problema nasce però in una sezione del premio, quello che dovrebbe valorizzare i giovani, ovvero il Camaiore-proposta. Dunque, il vincitore gìà c’è ed è tale Mathias PDS. math2Non ce l’ho con lui sia chiaro, però il regolamento parla chiaro:  “L’intento del Camaiore-Proposta è di valorizzare una giovane voce poetica, quindi verrà segnalata un’opera prima di un autore che non abbia superato il 35° anno di età.
L’opera sarà prescelta fra quelle che perverranno al Presidente e ai membri della Giuria Tecnica nei termini e nelle modalità previste dal regolamento del Premio Letterario Camaiore.
Il partecipante dovrà specificare che trattasi di opera prima e indicare la propria data di nascita.
Peccato che  il buon Mathias abbia già pubblicato un libro nel 2016 come facilmente è rintracciabile in internet. Tra l’altro, sempre in rete, è presente una sua intervista https://laltrovepoet.wordpress.com/2017/03/27/fra-il-silenzio-e-il-rumore-intervista-a-mathias-pds/comment-page-1/ in cui dichiara : “Si tratta di poesie più complesse rispetto al primo libro che ho scritto e rispetto anche agli aforismi che scrivo come poeta di strada sui muri. È qualcosa di più complesso e credo che anche la vendita sarà difficile, magari non tutti riusciranno a capire quello che intendevo dire io.” A parte che insomma capire poesie come :

Non ho mai capitomath
se piangesse
con gli occhi
o con il cuore

Ma nonostante tutto
risalii la valle
dei suoi tormenti
e le portai un fiore.

oppure

Sono come il giorno
indosso un sorriso
mi vesto di luce
interpello il sole
e poi esco di casa

Eppure, a volte,
mi sento un po’ notte
ritorno a casa 
mi lavo la faccia
nascondo l’ombra 
e poi torno
a dormire.

ecco insomma via…ce la possiamo fare….

Comunque se gli organizzatori ci faranno avere una spiegazione a questa che sembra una gigantesca topica sarebbe cosa buona e giusta….magari ho preso un abbaglio io….oppure i fantasmi di Mario Artz e Daniel Trinca (vedasi premio Mario Luzi 2014) aleggiano indisturbati sulla versilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *