bazzano

Rosanna Bazzano – 5 inediti napoletani

Rosanna Bazzano – 5 inediti napoletani

Me ne so’ gghiuta ’e capo p’ ’o duttore
ca m’ha curato ’a tosse e l’influenza,
na freva ’nzista, specie si ’o vedevo,
ca quanno cchiù ’o guardavo cchiù saglieva.

M’aggio pigliata tanta mmedicina
ca ’a casa m’aggiu fatta na pruvvista,
e tanto c’aggiu juta ’a farmacia
ca mò me piace pure ’o farmacista!

*

’A pressa

Comme dicite, egreggio mio Signore,
ogge nun è ghiurnata e ghiate ’e pressa?
Tenite poco tiempo pe fà ammore
e avimm’a fa’ na cosa ampressa ampressa?

Sapite che vve dico, ’ossignuria?
’E spicce ’e llasso sempe pe’ mazzetta!
Pe’ nun perdere tiempo, arrassusia,
mentre fuite… chiuriteve ’a vrachetta…

*

Si se putesse, dint’ ’o core tuoio,
vedè chello ca pienze e che ce tiene,
capì che spiere, che pruggette faie,
quali ggioie tiene nchius’ e quali ppene.

’Nce vulesse guardà comm’ ’a janara,
ma so’ sicura ca nun me vedesse,
e tanta fosse ’a pena e tant’ ’a rraggia
ca te pugnesse ’o core e t’accidesse.

*

’O sole ca te porta ncopp’ ’a loggia,
pe spannere ’e llenzole d’ ’a culata,
te mette dint’ ’o core n’ allegria
e ncopp’ ’a faccia ’o rrusso ’e na pupata.

E guarde ’o munno, ca pare luntano,
cu ’e strade e ’a ggente, e tutte chelli cchiese
addò se dice ca stà Ggiesù Cristo
e a costruirle nun se badaie a spese.

Ma Ddio tu ’o truove dint’ ’a ’st’ aria fina,
dint’ ’o giallino chiaro ’e ’sta mimosa
ca ogn’ anno, puntualmente, ’e ’sti gghiurnate,
se veste a festa comme fa na sposa.

E ’o truove ’int’ ’o silenzio quann’ è ’a sera,
quanno chi prega è ’o core e nun è ’a voce,
ca chest’ è ’o paraviso, pace overa,
è guardà ’o munno cu dduie uocchie doce.

*

Napule già s’appiccia chianu chianu
na luce, na lucella, nu lampione
sulo ’a fenesta ’e chillu quartu piano
resta addurmuta sott’ a nu balcone

Settembre, ’e sette â sera more ’o juorno,
’e viche s’appriparano p’ ’a festa,
lucene d’oro ’e strate tuorno tuorno
e pare ncannaccata ogne fenesta.

Sultanto ’a casa nosta sta sulagna,
senza calore e senza fantasia,
l’uocchie nzerrate ’e chi già se rassegna

pecché nun sonna cchiù ’e truvà na via;
c’ha dato ’a mano meglio ’e na cumpagna
ma ll’ ’ammo fatto mala cumpagnia…


Rosanna Bazzano, mediterranea in ogni suo sentire, è nata a Floridia (SR), vive e gestisce un Caffè letterario a Napoli, e ha un pezzetto di cuore a Ermioni, in Grecia.
Nel 2009 pubblica l’autobiografia poetica L’Olivo Saraceno. Del 2012 è Lune d’agosto (Intra Moenia edizioni). Sempre del 2012 sono la favola poetica Gelsomina e il pupazzo di neve (Iemme edizioni) e il libro di ricette filastroccate per bambini Il Mangiarime (Iemme edizioni), su ricette della chef Rosanna Marziale.
Nel 2013 esce Il nuovo Mangiarime (Iemme edizioni), ancora con ricette della Marziale.
Nel 2014, Incontrati a Caserta, cinque poeti campani e un editore svizzero (Ed. alla chiara fonte, Lugano).
I suoi lavori sono stati recensiti da moltissime testate giornalistiche tra cui spiccano: Tg3 Campania, La Repubblica, Il Mattino, Il Roma, sito Riso Flora.


In copertina: Rosanna Bazzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *