Le altre lingue: Le aree anglofone – Kamala Das

Secondo capitolo della rubrica “Le altre lingue” dedicato alla poesia anglofona. Il poeta selezionato e tradotto da Francesca Diano è Kamala Das. Buona lettura.


Kamala Das (2)

 

Kamala Das, nata Kamala Madhavikutty successivamente Kamala Surayya, (Punnayurkulam, Kerala, 31/3/1934 – Pune 31/5/2009) è considerata in India “poeta laureato”, la voce più incisiva e autorevole della moderna poesia indiana in lingua inglese e allo stesso tempo uno degli autori moderni più importanti in lingua malayalam, in particolare per i suoi numerosi racconti e l’autobiografia, My Life, che scrisse in questa sua lingua d’origine e poi tradusse in inglese. Una figura coraggiosa, controversa per i temi forti affrontati nella sua poesia e per le scelte di vita, così controcorrente.

Nata nella casta aristocratica Nair, da un padre noto giornalista e da una madre famosa poetessa in lingua malayalam, passò l’infanzia e la giovinezza tra Calcutta e il Kerala, uno stato che all’epoca era parte di una zona dell’India chiamata Malabar e fin da sempre manifestò un fortissimo amore per la poesia e la scrittura, sia per la propria natura di scrittrice, che per l’influenza della madre e del prozio materno, Nalapatt Narayana Menon, famoso scrittore. Dunque non c’è dubbio che l’ambiente aristocraticamente letterario e l’alta tradizione culturale in cui il suo talento si radica, la pone tra quegli scrittori indiani che rappresentano una continuità letteraria di profilo alto. A differenza della pletora di autori indiani, romanzieri e poeti  in lingua inglese che, spuntati dal nulla, stanno facendo la loro fortuna fuori dall’India, solo perché in occidente l’India è ora di moda, perché mancano ai loro lettori occidentali i riferimenti per poter distinguere il talento da un’esotica mediocrità, Kamala Das, che è il frutto diretto di una tradizione letteraria antica e raffinata, ha questa potenza nel rompere proprio quella tradizione, perché ne è portatrice.

A 15 anni fu data in sposa a Madhava Das, dirigente di banca molto più grande di lei, che tuttavia la incoraggiò a scrivere ed è sintomatico che, pur scrivendo indistintamente in inglese, hindi e malayalam, Kamala Das non abbia mai rinnegato letterariamente la sua lingua madre. Proprio perché è in quella che si radicavano le sue robuste radici, quelle che le permisero di lanciarsi oltre le convenzioni e le limitazioni di una condizione femminile per lei troppo angusta e soffocante.

La scelta dell’inglese per la poesia ha un motivo – io ritengo – preciso. I temi che la sua poesia tratta infatti, sono fin dall’inizio scottanti e mai affrontati da una donna indiana: la sessualità femminile, l’educazione, la politica, l’indipendenza e l’autonomia della donna ecc. E per temi così esplosivi all’epoca in India, l’inglese era la lingua adatta poiché, pur lingua degli invasori, era però anche veicolo di quelle idee sovversive.

La prima raccolta, Summer in Calcutta, pubblicata nel 1965, tratta temi d’amore, d’abbandono e di tradimento, ma senza il romanticismo e il sentimentalismo della contemporanea poesia amorosa. La seconda raccolta, The Descendants (1967) è da questo punto di vista ancora più esplicita.

Nel 1976 pubblica un’autobiografia, che è la traduzione in inglese dell’originale in malayalam, ma successivamente rivela che buona parte dei fatti, alcuni dei quali scioccanti per l’esplicita libertà sessuale e mentale,  sono romanzati e non reali. Nei suoi romanzi, nei racconti, nelle raccolte di poesia, negli articoli, nei saggi e nelle seguitissime colonne che teneva su quotidiani e riviste, Das si pone come una vera e propria innovatrice nella voce indiana femminile e non a caso è stata definita sulle pagine del Times “la madre della poesia indiana moderna in lingua inglese”. Non a caso, perché si può dire che molte delle poetesse indiane più recenti, che scrivono in inglese, hanno attinto e attingono da lei temi e ispirazione, raramente raggiungendo la stessa qualità letteraria e la stessa potenza dirompente.

Di famiglia strettamente hindu di antica tradizione conservatrice, a  65 anni, dopo la morte del marito,  abbandona la religione hindu per convertirsi all’Islam, religione del suo più giovane nuovo compagno Sadiq Ali e assume il nome di Kamala Surayya, anche se poi riterrà un errore quella scelta.  La sua fama la porta in tutto il mondo, a tenere corsi e conferenze in università, festival letterari, istituzioni culturali. Fondò anche un partito, il Lok Seva Party, in favore di madri single e orfani. Alla sua morte il corpo tornò in Kerala e le  furono tributati i funerali di Stato.

*********

La prima poesia, La danza degli eunuchi, si riferisce a quelli che in India sono chiamati hijra, o eunuchs, in realtà non propriamente eunuchi, ma uomini che si vestono da donna, con sari e gioielli e che delle donne assumono atteggiamenti e gusti. Hanno nella società indiana un’antichissima tradizione, al punto da costituire una sorta di casta.  Non hanno molto a che fare con i nostri travestiti o transgender, proprio per il ruolo che da tempi immemorabili viene loro riconosciuto. Se da una parte sono emarginati, dall’altra, riunendo in sé la doppia natura di femminile e maschile, sono considerati di buon auspicio e di buona fortuna nelle feste, ai matrimoni, nelle celebrazioni e vengono pagati per la loro presenza. Ma molti sono poveri, chiedono la carità con molta insistenza ai semafori e alcuni si prostituiscono. Il che non toglie che alcuni abbiano fatto fortuna e siano imprenditori o, come in un caso, uno sia diventato un’acclamata attrice di Bollywood.  Hanno un loro culto, una Dea Madre di origini prevediche e in genere vivono in comunità, sorta di case madri, in cui un hijra più anziano ha un ruolo di rilievo e guida.


Quattro poesie di Kamala Das
Traduzione di Francesca Diano

LA DANZA DEGLI EUNUCHI

(Da Summer in Calcutta 1965)

 

Era caldo, così caldo prima che gli eunuchi venissero
A danzare, le ampie gonne volteggianti, il clangore
Intenso dei  cimbali e cavigliere tinnanti, tinnanti
Tintinnanti… sotto il fiammante albero di fuoco, con
Volar di lunghe trecce, lampi degli occhi scuri, danzarono
————————————————————————————————————-[e
Danzarono, oh danzarono fino a sanguinare…sulle
————————————————————————————————-[guance
Tatuaggi verdi, gelsomini tra i capelli, alcuni
Erano scuri ed altri quasi bianchi. La loro voce
Aspra, melanconici i canti; cantavano di
Amanti morenti e o bambini non nati…
Alcuni battevano i tamburi; e altri il seno afflitto
E gemevano, torcendosi in estasi vacanti.
Sottili le membra e rinsecchite; come ceppi semiarsi di
Pire funebri, aridità e marciume
V’era in ciascuno. Persino i corvi stavano così
Silenti sui rami, ed i bambini immobili, ad occhi dilatati;
Tutti a guardar le convulsioni di quei poveri esseri
Poi il cielo crepitò, e venne il tuono e il fulmine
E la pioggia, una misera pioggia che sapeva di polvere
——————————————————————————————————[nelle
Soffitte e di urina di topo e di lucertola….

*

THE DANCE OF THE EUNUCHS

It was hot, so hot, before the eunuchs came
To dance, wide skirts going round and round, cymbals
Richly clashing, and anklets jingling, jingling
Jingling… Beneath the fiery gulmohur, with
Long braids flying, dark eyes flashing, they danced and
They dance, oh, they danced till they bled… There were
——————————————————————————————————[green
Tattoos on their cheeks, jasmines in their hair, some
Were dark and some were almost fair. Their voices
Were harsh, their songs melancholy; they sang of
Lovers dying and or children left unborn….
Some beat their drums; others beat their sorry breasts
And wailed, and writhed in vacant ecstasy. They
Were thin in limbs and dry; like half-burnt logs from
Funeral pyres, a drought and a rottenness
Were in each of them. Even the crows were so
Silent on trees, and the children wide-eyed, still;
All were watching these poor creatures’ convulsions
The sky crackled then, thunder came, and lightning
And rain, a meager rain that smelt of dust in
Attics and the urine of lizards and mice….


 

PRESENTAZIONE

da Summer in Calcutta

 

Non so di politica ma conosco i nomi
Di chi è al potere, e li posso ripetere come
I giorni della settimana, o i nomi dei mesi, a partire da
—————————————————————————————————–[Nehru.
Sono indiana, molto scura, nata nel Malabar,
Parlo tre lingue, scrivo in
Due, sogno in una.
Non scrivere in inglese, m’hanno detto, l’inglese non
È la tua lingua madre. Perché non mi lasciate
In pace, critici, amici, cugini in visita,
Tutti voi quanti siete? Perché non lasciarmi parlare
Qualunque lingua voglia? La lingua in cui io parlo,
Diviene mia, le sue distorsioni, le sue bizzarrie
Tutte mie, solo mie.
È mezza inglese, mezza indiana, forse buffa, ma onesta.
È umana poiché umana sono, non
Capite? Dà voce alla mia gioia, ai miei desideri, alle
Speranze, e poi mi è utile come il gracchiare
Al corvo o il ruggito al leone, è
Una parlata umana, la parlata della mente che
C’è e non c’è, di una mente che vede e sente e
È consapevole. Non il linguaggio sordo e muto
Degli alberi nella tempesta o di nubi monsoniche o della
———————————————————————————————[pioggia o
Il balbettio incoerente della pira
Funebre fiammeggiante. Ero bambina e poi
Mi dissero ch’ero cresciuta, perché mi feci alta, le membra
S’ingrossarono e in uno o due punti spuntarono dei peli.
Quando chiesi l’amore, non sapendo che altro poter
———————————————————————————————[chiedere
Egli condusse una ragazza sedicenne nella
Stanza da letto e poi chiuse la porta. Non mi batteva
Ma il mio triste corpo di donna si sentiva battuto.
Il peso dei miei seni e del mio ventre m’opprimeva.
Mi rimpicciolii. Penosamente.
Poi…indossai una camicia e
I pantaloni di mio fratello, mi tagliai i capelli ed ignorai
Il mio essere donna. Metti la sari, sii ragazza
Sii moglie, dissero. Ricama, cucina,
Litiga con la servitù. Adeguati. Oh,
Stai al tuo posto, gridarono i categorizzatori. Non sedere
Sui muri e non sbirciare nelle nostre finestre con tendine
———————————————————————————————–[di pizzo.
Sii Amy, o sii Kamala. O meglio
Ancora, sii Madhavukutty. È tempo di
Scegliere un nome, un ruolo. Non giocare a far finta.
Non giocare a far la schizofrenica o a fare
La ninfomane. Non piangere in modo imbarazzante
————————————————————————————————[quando
L’amore ti abbandona…ho incontrato un uomo, l’ho
—————————————————————[amato. Non chiamatelo
Con un nome quale che sia, è ciascun uomo.
Che vuole una donna, come io sono ciascuna
Donna che cerca amore. In lui… l’affamata urgenza
Dei fiumi, in me… l’instancabile
Attesa dell’oceano. Chi sei, chiedo a tutti e ad ognuno,
La risposta è, sono io. Ovunque e
In ogni luogo, vedo colui che chiama Io se stesso
In questo mondo, è avvolto strettamente come
La spada nel suo fodero. Sono io a bere solitaria
A mezzogiorno, a mezzanotte, in hotel o in città estranee,
Son io che rido, che faccio l’amore
E poi provo vergogna, son io che giaccio morente
Con un rantolo in gola. Sono una peccatrice,
Sono una santa. Sono l’amata e la
Tradita. Non ho gioie che le tue non siano, non
Dolori che non siano tuoi. Anch’io chiamo me stessa Io.

*

AN INTRODUCTION

I don’t know politics but I know the names
Of those in power, and can repeat them like
Days of week, or names of months, beginning with Nehru.
I am Indian, very brown, born in Malabar,
I speak three languages, write in
Two, dream in one.
Don’t write in English, they said, English is
Not your mother-tongue. Why not leave
Me alone, critics, friends, visiting cousins,
Every one of you? Why not let me speak in
Any language I like? The language I speak,
Becomes mine, its distortions, its queernesses
All mine, mine alone.
It is half English, halfIndian, funny perhaps, but it is
————————————————————————————————-[honest,
It is as human as I am human, don’t
You see? It voices my joys, my longings, my
Hopes, and it is useful to me as cawing
Is to crows or roaring to the lions, it
Is human speech, the speech of the mind that is
Here and not there, a mind that sees and hears and
Is aware. Not the deaf, blind speech
Of trees in storm or of monsoon clouds or of rain or the
Incoherent mutterings of the blazing
Funeral pyre. I was child, and later they
Told me I grew, for I became tall, my limbs
Swelled and one or two places sprouted hair.
WhenI asked for love, not knowing what else to ask
For, he drew a youth of sixteen into the
Bedroom and closed the door, He did not beat me
But my sad woman-body felt so beaten.
The weight of my breasts and womb crushed me.
I shrank Pitifully.
Then … I wore a shirt and my
Brother’s trousers, cut my hair short and ignored
My womanliness. Dress in sarees, be girl
Be wife, they said. Be embroiderer, be cook,
Be a quarreller with servants. Fit in. Oh,
Belong, cried the categorizers. Don’t sit
On walls or peep in through our lace-draped windows.
Be Amy, or be Kamala. Or, better
Still, be Madhavikutty. It is time to
Choose a name, a role. Don’t play pretending games.
Don’t play at schizophrenia or be a
Nympho. Don’t cry embarrassingly loud when
Jilted in love … I met a man, loved him. Call
Him not by any name, he is every man
Who wants. a woman, just as I am every
Woman who seeks love. In him . . . the hungry haste
Of rivers, in me . . . the oceans’ tireless
Waiting. Who are you, I ask each and everyone,
The answer is, it is I. Anywhere and,
Everywhere, I see the one who calls himself I
In this world, he is tightly packed like the
Sword in its sheath. It is I who drink lonely
Drinks at twelve, midnight, in hotels of strange towns,
It is I who laugh, it is I who make love
And then, feel shame, it is I who lie dying
With a rattle in my throat. I am sinner,
I am saint. I am the beloved and the
Betrayed. I have no joys that are not yours, no
Aches which are not yours.
I too call myself I.


ETA’ DELLA PIETRA

(da The Old Playhouse and Other Poems, 1973)

Tenero sposo, antico colono della mente,
Vecchio ragno pingue, che tessi ragnatele di sconcerto,
Sii gentile. Tu mi trasformi in un uccello di pietra, in una
Colomba di granito, mi costruisci attorno una misera
————————————————————————————————-[stanza,
E mi accarezzi distratto il viso butterato mentre
Leggi. Parlando ad alta voce frantumi il mio sonno
———————————————————————————————-[antelucano,
Ficchi un dito nel mio occhio sognante. E
Tuttavia, sognando ad occhi aperti, uomini forti
[proiettano un’ombra, sprofondano
Come bianchi soli nei flutti del mio sangue dravidico,
Segretamente scorrono le fogne sotto le città sacre.
Quando vai via, con la mia auto azzurra scassata guido
Lungo il mare più azzurro. Salgo di corsa i quaranta
Gradini rumorosi per picchiare all’altrui porta.
Attraverso lo spioncino osservano i vicini,
Mi osservano arrivare
E andare come la pioggia. Chiedetemi, tutti, chiedetemi
Cosa ci veda in me, chiedetemi perché lo chiamino leone,
Libertino, chiedetemi perché oscillino le mani come un
—————————————————————————————————–[cobra
Prima che il pube m’afferri. Chiedetemi perché come
Un grande albero, abbattuto, s’accasci sui miei seni,
E dorma. Chiedetemi perché la vita sia breve e l’amore sia
Più breve ancora, chiedetemi cosa sia l’estasi e quale sia il
————————————————————————————–[suo prezzo…

*

THE STONE AGE

Fond husband, ancient settler in the mind,
Old fat spider, weaving webs of bewilderment,
Be kind. You turn me into a bird of stone, a granite
Dove, you build round me a shabby room,
And stroke my pitted face absent-mindedly while
You read. With loud talk you bruise my pre-morning sleep,
You stick a finger into my dreaming eye. And
Yet, on daydreams, strong men cast their shadows, they
—————————————————————————————————-[sink
Like white suns in the swell of my Dravidian blood,
Secretly flow the drains beneath sacred cities.
When you leave, I drive my blue battered car
Along the bluer sea. I run up the forty
Noisy steps to knock at another’s door.
Though peep-holes, the neighbours watch,
they watch me come
And go like rain. Ask me, everybody, ask me
What he sees in me, ask me why he is called a lion,
A libertine, ask me why his hand sways like a hooded snake
Before it clasps my pubis. Ask me why like
A great tree, felled, he slumps against my breasts,
And sleeps. Ask me why life is short and love is
Shorter still, ask me what is bliss and what its price…


 

WINTER

KRISHNA

Da Only The Soul Knows How To Sing

Il tuo corpo è la mia prigione, Krishna,
Oltre esso non vedo.
Mi acceca la tua tenebra,
Le tue parole d’amore escludono il fragore del mondo
———————————————————————————————[saggio.

*

KRISHNA

Your body is my prison, Krishna,
I cannot see beyond it.
Your darkness blinds me,
Your love words shut out the wise world’s din.


In copertina: Kamala Das.

 

Un pensiero su “Le altre lingue: Le aree anglofone – Kamala Das

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *