Vincenzo Mastropirro

a cura di Pasquale Vitagliano

Vincenzo Mastropirro (Matera, 4 settembre 1960) è un flautista, compositore e poeta italiano

Testi

Me vaite ind’a nu fiàure de carte
forte e coloròte.

Stoche chiandòte ind’a la tìerre
‘nanze a la tòmbe d’attaneme
ca se sté a pisciò sòtte da re resòte.

L’addemanne: “peccè stè a réire?”
ed idde la spicce subete.

Senza parlò vogghje sdradecamme e scappò
ma m’arrecùorde ca nan’ pùozze.

U terrene me mange a picche a picche
la paghiure me pigghje ma
pe fertìune m’arrecùorde d’esse nu fiàure de carte
e nan’ pozze meréje.

Mò capisce re resòte d’attàneme.

(Mi ritrovo in un fiore di carta / forte e colorato. // Sono piantato nella terra / davanti alla tomba di mio padre / che si sta scompisciando dalle risate. // Gli domando: ”perché ridi?” / e lui smette immediatamente. // Senza parlare vorrei sradicarmi e scappare / ma mi accorgo che non posso. // Il terreno mi ingoia a poco a poco / il terrore mi assale ma / per fortuna ricordo di essere un fiore di carta / e non posso morire. // Ora capisco le risate di mio padre.)

***

La parola giùste è stetò.

Nesciùne ‘ngéine ind’ u cile è stòte ‘nvendòte
la prove è la cadìute irresistìbile de l’angele
ca’ cadene ‘ndìerre cume chelumere sfatte.

R’illussiòne s’allundànene sembe de cchjue
nan’ ne remone ‘ca la finta resòte
metténne la tavue estive, addò ‘nu ‘bbune piatte
de gronegréis-patòne-e-cùozze
spénge abbasce u ‘muzzeche amòre du delàure.

(Il verbo giusto è spegnere. Nessun gancio nel cielo è stato inventato / la riprova è la caduta irrefrenabile degli angeli / che si schiantano a terra come fioroni sfatti. // Le chimere si allontanano sempre più / non ci rimane che la finta allegria / apparecchiando la mensa estiva, dove il magnifico piatto / di riso-patate-e-cozze / spinge giù l’amaro boccone del dolore.)

***

Me sende occupòte.

“Iàje, levàteve da ‘nanze
ca me sende occupòte”.

Chìesse gredò mamme
quanne u prìevete
le disse ca attàneme
avàje murte.

E’ proprie u vere,
mamme se perdèje
quante le mancò
la pedde du’Alte

cur’u’alte ca t’è cumbàgne
e ca da tanne in pò
nan’ pute cchjù teccuò
nan’ pute cchjù vasò.

(Mi sento oppressa. “Oh, lasciatemi stare / che mi sento oppressa”. // Questo gridò mamma / quando il prete / le annunciò che mio padre era morto. // E’ proprio vero, / mamma si smarrì / quando le mancò / la pelle dell’Altro // quell’altro che ti è compagno / e che da quel momento in poi / non puoi più toccare / non puoi più baciare.)

***

Nan’ so abetuòte a lavamme assè.

U addàure naturòle ca tenghe ‘ngùdde
è cume u addàure de la scorze de pòne
tanne tanne sfernòte da Masìne-u-fernòre.

Mò, ste a vìue
adenò re meddèiche da sàupe a la tevagghje
assapràmme a picche a picche
pe vedàje chere ca sò e chere ca so stòte

senza dèisce na paròle
senza dèisce proprie nùdde.

(Non sono abituato a lavarmi molto. L’odore naturale che ho addosso / è come l’odore della crosta di pane / allora per allora sfornato da Masino il fornaio. // Ora sta a voi / raccogliere le briciole dalla tovaglia / assaggiarmi a poco a poco / per scoprire quello che sono e quello che sono stato // senza dire una parola / senza dire proprio niente.)

 

So prevòte a salvò pizze de munne
mettìennue ind’ a chire scequarìdde
fatte cume re padde de vitre
chere ca quanne l’aggire e vulte
asciènne la nàive.

Tutte so prevòte a salvò
nan’ velaje allassò proprie nudde.

Pigghje da dò… pigghje da dà…
e u munne se ne venaje a pizz’ pizz’
ch’ere ‘na bellìezze.

U paèise meje è stote u cchjù difficile da salvò
specialmìende da re vanne a do àvete eje…
cume se dèisce… ‘do ‘bbasce… au Sud!

Dà, la gente nan’ velaje
ca teccuàje proprie nudde
quòse quòse me ne sciàje careche de mazzòte.

So penzòte…
nan’ sacce peccè, ma niue, ‘ddo ‘bbasce
òmme decise de cambò acchessì mòle
anche quanne u Segnore n’è dote l’opportunetò
d’esse espùoste ind’u Paravèise
tenute cume le gingille, cume re d’aure.

(Ho provato a salvare pezzi di mondo / mettendolo in quei giocattoli / a forma di palle di vetro / quelle che quando le rivolti / scende la neve. // Tutto ho provato a salvare / non volevo lasciare proprio niente. // Prendi di qua…prendi di là… / e il mondo si staccava a pezzi a pezzi / ch’era uno splendore. // Il mio paese è stato il più difficile da salvare / specialmente dalle parti dove abito io… / come si dice …qui giù…al Sud! // Lì, la gente non voleva / che toccassi proprio niente / quasi quasi me ne andavo carico di botte. // Ho pensato… non so perché, ma noi, qua giù / abbiamo deciso di vivere così male / anche quando il Signore ci ha dato l’opportunità / di essere esposti in Paradiso / tenuti come gingilli, come oro.)

***

Cu l’angalìrie de disce-e-dèisce
dome a mangiò a le penzìre
pe’ po’ arragiùnò ind-e-fore.

Stome ‘nu picche descìune perciò
facèime camenò la fandasèi senza parlò

acchessèi ne pote guadàgnò u mùnne.
Senza disce chiacchiere

stamene ‘nu picche-picche cìtte.

(Avidi di parole / nutriamo i pensieri / per poi ragionare sconclusionatamente. // Stiamo un po’ a digiuno perciò / alimentiamo la fantasia senza parlare // così ne potrà guadagnare il mondo. // Senza farfugliar parole / facciamo un po’ di silenzio.)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *