Davide Lopez

a cura di Pasquale Vitagliano

Davide Lopez nasce a Bari il 19 novembre 1867. Fu avvocato e per oltre un ventennio fu membro del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati e dell’Amministrazione dell’Istituto Superiore di Commercio e di molteplici altre commissioni. Fu anche valido amministratore della Biblioteca «Sagarriga Visconti-Volpi» di Bari. Nel 1915 esce il suo primo libro di poesie in dialetto «Canti Baresi», pubblicato dall’editore Laterza di Bari (nel 1981 fu ristampato dall’editore Arnaldo Forni di Bologna). Morì a Bari il 10 marzo 1953 all’età di 86 anni.

***

Brasciòle

Treggnùte, nguagghiàte
Passciùte, abbettàte,
Brasciòle me pare,
Brasciòle iè nnate;

Brasciòle de vocche,
Brasciòle de vènde,
Brasciòle de core,
Brasciòle de mènde.

Ce pparle, squaquàgghie,
Ce mmange, sgranèsce,
Ce bbève, s’abbòtte,
Ce ddorme, greffuèsce.

Acquànne camìne
Và tutte sedàte;
Acquànne s’assìte,
Se mètte sguarràte.

Nessciùne è cchiù ppìizze,
Nessciùne è cchiù ddotte;
Brasciòle asselùte
S’assìte a la votte!

DDà sckute sendènze,
DDà parle de tutte,
DDà fasce u puète,
Scettànne derrùtte,

Ce u pigghie de ponde,
Se ngazz’e gastème;
Ce u ngìinze ngi-ammìne,
Te rite da scème.

Ce stà iìnd’o lìitte
Se volde, sbafèsce,
Se iàlz’u renzèle,
D’abbàssce svendèsce.

Evvìv’a Brasciòle
Nguagghiàt’e treggnùte!
Evvìv’a Brasciòle
Brasciòle arrestùte!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *