Teodora Mastrototaro

a cura di Pasquale Vitagliano

Teodora Mastrototaro nasce a Trani l’11 Luglio 1979, risiede e lavora a Barletta. Laureatasi presso l’università di Bari in “Scienze zootecniche e sanità degli alimenti di origine animale”, ha conseguito la specializzazione in “Scienze e Tecnologie delle produzioni animali” presso l’università di Napoli.

Testi 

E
Non bevo più dalle tue mani.
ho paura di tagliarmi con le schegge del tuo sesso.
Ogni tua carezza
refrigerio alla mia gola.
Ora
con l’arsura del momento
chiudo i pugni tuoi
assetata cerco acqua
che non tagli
le mie labbra.


Spoglio la notte con le mie mani.
Indosso un abito elegante.
Ho sempre desiderato ballare vestita di nero.
Le stelle come bottoni e la luna come cerniera per i miei seni.
Spogliami amore
anche se il mondo sarà senza stagioni.
Sono forse egoista perché ora penso soltanto alla musica e a fare l’amore?

***

Il mio seno tra le tue labbra.
Non ho più latte
amore
ma solo l’acqua sporca
con cui lavi
le mie notti.
 
***

Nel rispetto delle mie gambe non prego inginocchiata.
Nel rispetto delle dita, non a mani giunte.
Nel rispetto della notte, non dormo ad occhi chiusi
e il buio nel mio ventre.
Sono una donna che a gattoni viene a te.
Sorridi, amore, ma nel rispetto della follia
e della mia fede.

***

Poesia

Parlata
profanata
bestemmiata
amata
dissacrata
bistrattata
compatita
compianta
adorata
sputata
ingoiata
… labbra
serrate
dal non
ascolto.

***

Arabadanza

Antico racconto,
residuo pudore divelto col velo
arabadanza
arabadanza
gitana malìa

capelli saraceni frustano l’aria
scompigliano i sensi
sguinzagliano il cuore

araba danza
badalladanza
lingua di fuoco in riva al mare
libera umori sorride alla luna

***

Desiderio di luna

Occhi neri
scherzarono alla luna
fu una sfida
fu un gioco
fu come fu…
luna sorrise maliziosa
e il silenzio
fu tentazione
fu desiderio
fu come fu…

***

Puck

Allòre percè
Acquanne mòrene le chembàgne cresiàne
Qualche vòlde chiòve
Invésce acquanne mòrene
le chembàgne càne
pigghie e la lune s’ascònne.

***

Capatòste

T’so dditte tande vòlde
Ca pare la stòrie defaffòddè
Làssela pèrde làssela stà
U tìimbe iè ggiuste ava volà

Coro…

Stève na vòlde nu vècchie e na vècchie
Nu sacche de fave drète a la spècchie
Na scala lònghe pe salì
La stòrie iè bbèlle la uè sendì

Coro…

Capatòste ce st’aspìitte
Non d’adénze non zò despìitte
Munne chernùte sorta pettine

Coro…

Stève na vòlde na bbèdda farfalle
Core de mamme celèst’e ggiàlle
Da fior’a ffiòre salì e scennì
Palomma bbèlle eppure merì…
Palomma bbèlle eppure merì…

***

Mal di luna

Non è niente non è niente
con la luna passerà
cavaliere della notta
mal di luna mal di luna
lancia in resta spacca cuore
il fantasma scaccerà
non è niente non è niente
in fondo in fondo
è solo amore.

***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *