Lino Angiuli

a cura di Pasquale Vitagliano

Lino Angiuli (1946) è nato e vive in Terra di Bari, dove ha diretto un Centro Regionale di servizi culturali. Collaboratore dei Servizi culturali della Rai e di quotidiani, ha fondato alcune riviste letterarie, tra le quali il semestrale «incroci», che dirige con Raffaele Nigro e Daniele Maria Pegorari per l’editore Adda di Bari. Ha pubblicato dodici raccolte poetiche in lingua italiana e dialettale; tra le ultime: Daddò dadda (Marsilio), Catechismo (Manni), Un giorno l’altro (Aragno), Viva Babylonia (Lietocolle), L’appello della mano (Aragno). La sua produzione, che ha ricevuto numerosi riconoscimenti e traduzioni, è considerata nell’ambito di manuali scolatici ed enciclopedie. Molte le pubblicazioni sul versante della cultura tradizionale. Recentemente, per La Vita Felice di Milano, ha realizzato due antologie della poesia europea.

Testi

Saluti da Acaia

Con la sua pentecoste di polvere
sottile cala il tempo sui terrazzi
scavalca siepi di persiane verdi
s’incarna nelle case orozecchino
dove gli uomini cuor di legume
prima mettono i dolori sotto sale
e i desideri nel salvadanaio
Quindi
vanno a coricarsi prestopresto
con le loro madonne rosine
tra pensieri ingialliti e collane festaiole
di pomodori appesi da centanni
Di notte
un accampamento di ulivi quaternari
fa la guardia al santissimo sepolcro
del buon tufo extravergine biondo.


Saluti da Seclì

E ancora va girando per le strade
una banda di tamburi e cicale
a festeggiare le nozze tra i gerani
oppure dietro cartapeste addolorate
vestite d’oro e argento come nel seicento
Ma
l’amaro muro del mare s’è già sciolto
e su un trerruote va la mezzaluna
sbarcata nei paraggi a suddare cioè
a leccare il piatto dei sughi occidentali
Ora
che il barone è scasato del tutto
ora vedremo se è vero che un tempo
da queste parti siamo stati sale
se ricordiamo quel vento manovale
che ci soffiò e rigonfiò le crete
per insegnarci a dire buon-giorno
come cristo domanda
e la barba di maometto pure.


[Dico che pure le zinnie possono]

Dico che pure le zinnie possono
dire la loro ballando un valzertango
appassionatamente
col geranio longobardo re della veranda
passato remoto di tuttaltre biografie
quando io e noi senza saperlo
andavamo in campagna a cogliere cicale
aggrappate a una controra
me le ricordo bene come friggevano
tenacemente
dentro il loro ardente deprofundis.


Al Ahad: orazione per il principio di tutto e tutti

Padre  nostro  e  soprattutto  loro  signore  del  maestrale
e  delle  cimici  cosiccome  dell’homo  a  volte  sapiens  e
della  carota  rossa  ti prego  passa da  un salone fashion
a  tagliarti  quella  barba  finta  poi  riaffiora  ex  novo  dal
tanfo  umido  delle  cattedrali  erette  sulla  tua  password
sguscia  dai  battisteri  e  dagli  altari  maggiori  affrescati
damascati  indorati  per   invetrinare  la  tua  onnipotenza

Lasciati  guardare  senza  camicia  nudo  tremante dentro
lo  stomaco   schifoso   del  forno  di  treblinka   et  similia
dico  a  te  che  ti  lasci  tirare  la  giacchetta  di  qua  di là
chi  ti  mette  saette  in  mano chi  ti  fa pezzentare amore
ti  prego  fermaci   non  vedi  che ti  stiamo   scassando  il
giocattolo   di  cui   vai  fiero  nei  libri  scritti  a  mezzadria
letti  riletti  da  mattina  a  sera  in  ogni  lingua conosciuta

Che  te ne fai di tutte  le messe  cantate e  dei  deogratias
degli  incensi  che  ti  sfrugugliano  le  narici  e degli amen
che  sperterrano  dalla  nostra  mente  di  mezze  calzette
creature  sguincie  che  ogni  ora  si  sciacquano la bocca
tra   genuflessioni   salamelecchi   baldacchini  a  bizzeffe
ma poi passato il  santo  passata  la  festa  addio  bonnuit
poco  importa  se  andiamo a  letto con  gli  idoli  in  corpo

Miglia  e   miglia  a   macinare  ossigeno  rintracciare  luci
è una  vita  che  vado  balbuziando  il  tuo  nome  my god
per   scavare  un  centimetro   d’anima   dentro   la  carne
lungo la  catena  di  montaggio  di  pensieri  parole  opere
omissioni  tra   gli  sberleffi   del  malamente  piantagrane
è una vita  che mi  giro  di qui  e  di  lì  senza  accorgermi
che tu stai  dentro una boccata  d’aria come  a  casa  tua

Anni  e  anni  di  appostamenti  per  cercare  d’acciaffarti
e  appenderti  al  collo   quasi  bottino   di  caccia  grossa
anni  e  anni  a  prendere  le  misure  di  ogni  tua  parola
quando  basterebbe  infilarsi  nei  panni  di  un  tramonto
che  fa  l’interiezione  tra  il  celeste  e l’arancione  senza
allentare   fosforo   bianco   sulla   vita  dei  più  innocenti
come   fanno   certuni   sbattendoti   sulle   loro  bandiere

Ma  oggi  caro  allah  padrone  di  mosche  e di moschee
di fronte  al  tuo  turbante  che  non  mi  turba  per  niente
oggi mi  pento  e mi  dolgo  con  tutto  il  cuore  residuato
d’aver bevuto  fiumi  e  torrenti  quando  non tenevo sete
di  aver   comprato  e   rivenduto   alambicchi   ambulanti
alla fiera  dei  riflessi  cangianti  che  non  quagliano  mai
mi  pento  e  mi  dolgo  nella  tua  lingua   se  necessario

Per tutte queste ragioni cui non basta  una  sola regione
a  suono di  campane  oggi   t’invito a  buddare  con  me
sotto  un  fico  di quelli grandiosi  dove da oltre  centanni
sto  a  imboccare   la  strettola  che  porta dritto  a salam
per  poi u scire  dall’ombelico  di  fronte al tuo  alto  zero
in  quel  posto  preciso  in   cui  vige  l’antico  almanacco
degli  algoritmi  azul  appesi  alle  ali  di  angeli  nostrani.


Mi battezzai

Mi   battezzai   d’estate   nell’umida  fiasca  d’un  bacio
apertosi  come  un  mar  rosso e poi non s’è più chiuso
a   dispetto  delle  glaciazioni   e  di  nottate  maldestre
che  fecero  amianto  dalle  parti  della  milza all’incirca

mi  cresimai  d’autunno  con  una  figlietta  di extra-olio
arrivato  senza  chiave  per  le  grandissime  occasioni
ivi  compresa  la  terzultima  unzione  d’una  bellissima
orecchietta  tarantolata  proprio  sulla  cima  delle rape

in  primavera  poi  mi  sono  accasato  tantissime volte
con una campana  sperdutasi  dentro  l’aria  rubacuori
l’aspettavo  qui  all’angolo  del  mezzogiorno  in  punto
me la mettevo sotto a  cavalcioni  e  ce  ne  andavamo

insiemando  a cogliere due  benedizioni  di cartapesta
disseminate  in inverno  da un anticlone  degli  azzurri
quellolì  che mi  sfiata  sempre  appresso  da una vita
contandomi  a volo  un’enciclopedia  di  fatterelli  miei

ad esempio la storia di questi due occhi mezzosangue
che si rivoltano caposotto ma ancora  non vedono l’ora.

*

Tra me e la cappella della pioggia maestra di grigio

Tra me e la cappella della pioggia maestra di grigio
si stende una sera enorme quanto  il lago maggiore
biodegradabile al  centopercento più o meno come
le  lacrime  e tutto ciò  che  mi  inumidisce l’ossario

allorquando anche  il cielo si  abbassa le  mutande
così da  acchiapparlo  con un  pensierino rasoterra
resuscitato  dalla muffa come un cavolo a merenda
eppure  buono  a  trasportarmi  altrove  tutto  intero

è forse  questo  il tempo  giusto  per ridare  la corda
ai  sorrisi  arrugginiti  che fanno  capolino  dalle  foto
ai  memoriali  che  salgono  su una scala senza pioli
e  scendono  con  una cesta  di  frasi  infreddolite

il tempo  giusto per farmi  amico quel cipresso lì che
ogni  giorno  mi fa  buongiorno  con la  mano mentre
m’invita  ad adacquarla  bene la  mia  beata  solitudo
perché  cresca  tanto  da  far rima con sola beatitudo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *