Michele Sovente

a cura di

Michele Sovente (Monte di Procida, 28 marzo 1948 – Monte di Procida, 25 marzo 2011) è stato un poeta italiano. Nato e vissuto a Cappella, una frazione del comune di Monte di Procida, in provincia di Napoli, nella zona dei Campi Flegrei, ha insegnato Antropologia culturale presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli ed ha collaborato col quotidiano Il Mattino. Considerato uno dei tre maggiori poeti napoletani contemporanei neodialettali[1], insieme a Achille Serrao e Tommaso Pignatelli, si connota per lo stile di scrittura estremamente originale che mescola latino, italiano moderno e napoletano vernacolare. Egli stesso giustifica questo connubio come scaturito da un impulso interno, dal bisogno di portare alla luce schegge sonore, barlumi di una età lontana dai contorni fiabeschi e primitivi, manifestazioni di energia vitale, di fisicità, figure e gesti elementari, nuclei di pensiero e di visionarietà che configurano un universo dove fascino e paura, sortilegio e smarrimento, solitudine e fusione con la natura procedono sempre all’unisono. Da qui discende il mio convincimento che tra latino, italiano e dialetto non ci sono divergenze o contrapposizioni»
Nel 1990, Radiotre ha trasmesso il radiodramma In corpore antiquo tratto dal suo Per specula aenigmatis con la regia di Giuseppe Rocca. Nel 1998 riceve il Premio Viareggio-Rèpaci, sezione “Poesia”, per il suo libro Cumae.
Nel 2001 la Giuria del Premio Elsa Morante-Comune di Bacoli, presieduta da Dacia Maraini, ha assegnato uno speciale riconoscimento alla sua attività di poeta. Nel 2008 riceve il Premio Leopardiano La Ginestra.
Pubblicazioni:
L’uomo al naturale (Vallecchi, 1978)
Contropar(ab)ola (ivi, 1981)
Per specula aenigmatis (Garzanti, 1990)
Cumae (Marsilio, 1998)
Carbones (Garzanti, 2002)
Zolfo (Dante&Descartes, 2004)
Carta e formiche (Centro di Cultura Contemporanea Napolic’è, 2005)
Bradisismo (Garzanti, 2008)
Superstiti (San Marco dei Giustiniani, 2010).

Testi

America

America non più felice,
sotto macerie il sogno
di una interminabile opulenza,
America non più senza
paura, si è aperta un’oscura
voragine in cui l’Occidente
patisce l’orrenda luce del niente.

*

La luna

Altissima venne la luna
la luna implacabile scava
la siepe l’obliquo sudario
del Sagittario sbarrò
(“…che dice… perché
la goccia non tace?”)
il topo poi arrivò
il topo poi rosicchiò
l’anima bianca del foglio
(“…per cosa… per cosa
continueremo a parlare?”)
la candida luna svelò
di essere un cieco budello
la luna immensa brillò
sulla tabe della siepe
(“…che dice… perché
la luna non tace?”)
altissima la goccia arrivò
e la mia lingua
ogni lingua scavò…

* * *

In un folle imbuto cartilagini e muco,
unghie e falangi, bulbi germinali e scuro
cervello, l’ascia d’osso e di rame a
scagliarsi precisa, a staccare l’olmo dal
croco, l’acqua dal fuoco, il sale
dall’onda, sbrandellato andavo sull’ombra e
tutt’intero nell’ombra morivo, amavo
ingannarmi che la Natura in sé mi prendesse,
in sé mi perdesse, sapere che Eraclito aveva affermato
nel flusso mortale dei fiumi il perno del
tutto maiuscolo mi strappava ai miei astri, mi sputava nel
vuoto, e ogni pulviscolo di saliva e di sangue e
di sperma si confonde e si fonde nel folle imbuto dei noviluni,
dei giorni, dei venti, degli aromi emollienti: e sono io
il bricoleur – leggi: scriba – che raccatta
scarti latini e a uno a uno li saggia
nell’attrito infinito di un’altra lingua che mai vedrà nascere.

* * *

Quondam nubila longe adspiciebam
et obscuras per vias sentiebam
erbas longe novas: cum aspide
puer in horto ludebat

(Le nuvole una volta guardavo lontano /e per vie buie sentivo il brusio/di appena nate erbe lontano: un bambino/ con il serpente nel giardino giocava ).

* * *

Rente rente
rentillo atterrato
musso musso
mussillo stracciato
muórzo muórzo
murzillo priggiato
Care ‘a luna: liazzosa
Ca pènne la luna
E dóje lèngue tic-tic
e duje uócchie
spertusavano ‘u ghiaccio r’ ‘i stelle
tic-tic:chi à visto ‘a curélla?
Rito rito
ritillo ‘nturzàto
riso riso
risilo affatato
vaso vaso
vacillo ‘ngrugnato
Spare ‘a luna: ‘mbriacósa
ca jarde la luna
e tre sacche sicche sicche
e tre ombre
e tre ombre: chi allocca
stu suóvero sicco?
Spertusàvano ‘u lustro r’’i lastre
“pecché cerco ‘a ròta
si nun gira?”
“pecché chiammo ‘a prèta
si accire?”
Pilo pilo
pilillo scurato
palo palo
palillo sfurriato
muro muro
murillo ‘ncurnato
Sbuca ‘a luna: ariósa
ca s’ammósta la luna
e quatto cucózze quatto
e quatto quatto butte
facevano festa furesta
quatto janare quatto
Me spertosa e spertosa lu vinto
èvera mòlle
aglio e sale: curtiéllo
sott’’u liétto: mantiéllo
niro niro
e sbattéva forte lu stipo
Fuoco fuoco
fuchillo arrubbato
sciato sciato
scintillo stutato
rutto rutto
ruttillo schiattato
Cocchia cocchia
cucchiélla ‘sfurnata
récchia racchia
ricchiélla appilata
vocca vocca
vucchélla schiantata
Trase ‘a luna: mutrosa
ca chiave la luna
e cinche lupine tunne tunne
e cinche ricchine ‘nfunno ‘nfunno
e la famma e la famma
allisciava commo la limma
S’abbòtteca ‘a luna: arrapposa
ca se scansa la luna
e seie sénghe seghiate
e seie seggie spagliate
e s’assettava ‘int’’i ssénghe
la luna stralunata
Milo milo
milillo accruccato
filo filo
filillo scippato
piro piro
pirillo assetato
Lardo lardo
lardello lardiato
cardo cardo
cardillo scurdato
scarda scarda
scardulella scardata
Culo culo
culillo alliccato
zizza zizza
zizzélla zurziàta
féssa féssa
fessélla sfessata
Te spertósa e spertósa lu chiuóvo
nivo russo
annascuso ‘int’’a néva
e scorza fràceta r’uovo
lucente p’’a frèva
Spertusàvano ‘a réna r’’mare
“pecché cerco ‘i pperate
scagnate?”
“pecché chiammo ‘u mare
svuciato?”
Annèmica è ‘a luna: gelosa
ca spànteca ‘a luna
e sette piruètte sette
e sete rummure r’accetta
e ‘u bosco sette renaro
s’arravugliava ‘int’’u scuro
Fuósso fuósso
fusillo ‘nfussato
uósso uósso
ussillo spurgato
frónna frónna
frunnélla sfrunnata
Prèta prèta
petrélla appuntuta
lùcia lùcia
lucella sturduta
macchia macchia
macchietèlla zannuta
Me spertósa e spertósa la rosa
spine lònghe
ca cècano ll’uócchie
e rusecava ‘a cunócchia
‘u ghianco de li scale
‘Nzanguégna è ‘a luna: pilósa
ca se ‘mbestialisce la luna
e otto forbiciate otto
e pure sotto ‘u cappotto
cu otto ràreche otto
s’arrifuggiava lu viérno
Latte latte
lattillo velluto
liétto liétto
lettino ‘i velluto
piétto piétto
pettillo crisciuto
Vócca vócca
vucchélla sfrenata
léngua léngua
linguélla appicciata
mana mana
manélla azzeccata
Rito rito
ritillo ‘ncurpato
rente rente
rentillo ‘mpurpato
sciato sciato
sciatillo ammiscato
Tóssa tóssa
tussélla attrassata
mossa mossa
mussélla affatata
musso musso
mussillo attillato
Passo passo
passillo birbante
riso riso
risilo sgargiante
vaso vaso
vasillo gigante
Spertusàvano ‘a luna e lu puzzo
“pecché cerco ‘a luna
ca mòre?”
“pecché chiammo ‘a luna
d’allora?”

Traduzione italiana non disponibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *