S!LLOGE – Enrico De Lea : Sarmura

Per S!LLOGE, su Carteggi Letterari, una selezione di poesie da SARMURA di Enrico De Lea – Milano, Officina Coviello, 2015. Tre testi dialettali accompagnati dalla traduzione dell’autore che, presentando il piccolo volume, scrive “La lingua di questi versi – composti tra il 2013 ed il 2015 (alcuni anticipati in rete) – è debitrice delle diverse varianti del siciliano da me conosciuto/udito/parlato principalmente tra Casalvecchio Siculo, la Valle d’Agrò, la riviera ionica e Messina”.

***

ie macari

ie macari u ‘nfernu
capaci chi scumpari
puru iddhu,
nto cauddu di stu nvernu –
unni, si manca ‘u munnu,
a chi sebbi u nfernu ?
si manca veru ie fausu,
mmiscati nto spittaculu
rriàli, ma chi cancia ?
‘e appoi non c’esti nenti,
nenti annata nova
appress’u Natali,
mancu distinu
‘nnunca bruttu o beddhu,
ucchiatu o binidittu,
spirèmu nta ne neula
scrosciu ciusciu,
n’aceddhu chi bbòla
eternu nt’o Sthrittu

e magari

e magari l’inferno
è possibile scompaia
anch’esso
nel caldo di questo inverno –
quando, se manca il mondo,
a cosa serve l’inferno?
se manca vero e falso
mescolati nello spettacolo
reale, cosa cambia?
e poi non c’è nulla
niente anno nuovo
di seguito al Natale,
neanche un destino
pur sempre cattivo o buono,
segnato o benedetto,
svaniamo dentro nuvole scroscio soffio,
come un uccello che voli
in eterno sullo Stretto

***

viàtu

viàtu, dici, faciti viàtu –
nenti tempu,
non pi vardari u scumiari
da marina, ma mancu
pi ‘rripigghiari ciatu- viàtu,
e chissu iè tuttu,
si manciu si travagghiu
si passìu, e viàtu
pur’un diu hav’a ffari
‘u miraculu – ma cchiù
non ci sentu,
e ddàtini n’anticchia d’abbentu –
e dopu mi nni futtu

presto

presto, dicesi, fate presto-
niente tempo,
non per guardare lo schiumare
del mare sulla battigia, ma neanche
per riprendere fiato – presto,
e questo è tutto,
se mangio se lavoro
se passeggio, e presto
anche un dio ha da fare
il suo miracolo – ma più
non ci sento,
concedete un tozzo di pane, un suo botto –
faccio presto, certo certo
e dopo me ne fotto

 

***

thruscia

ntrhizzannu ‘na thruscia
di iabbu e di scantu,
spidduti pu munnu
ristannu nto sonnu,
pi uora ‘rraggiannu,
ciancennu pi tannu

 

fagotto

intrecciando un fagotto
di meraviglia e spavento
sperduti nel sonno
inchiodati al mondo
nell’attesa rabbiosa
nel rimpianto di ieri

 

Enrico De Lea (Messina, 1958), vive in Lombardia, con frequenti viaggi in Sicilia. Ha pubblicato le raccolte di versi Pause (1992), Ruderi del Tauro (Forlì, L’arcolaio, 2009.), Dall’intramata tessitura (Barcellona-Pozzo di Gotto, Ed. Smasher, 2011), le sequenze-poemetti Da un’urgenza della terra-luce (Ass. La Luna, nella collana diretta da Eugenio De Signoribus, 2012,) e Suffragi del bianco (Milano, Officina Coviello, 2013). In dialetto l’unica sua pubblicazione è il fascicolo Sarmura (Milano, Officina Coviello, 2015). L’ultima sua raccolta di versi, in lingua, è La furia refurtiva (Vydia ed., 2016). Suoi testi sia in versi che in prosa sono in rete, su riviste ed antologie.

(a cura di Marta Cutugno)

Un pensiero su “S!LLOGE – Enrico De Lea : Sarmura

Rispondi a natàlia castaldi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *