Pillole di poesia – Gian Maria Annovi

di Ilaria Grasso

Quando si parte per disperazione, perché non si ha niente, spesso quel niente non sai neanche nominarlo. Non riesci a dire di cosa hai bisogno o forse, come gli apolidi, nulla del mondo ti appartiene e il mondo neppure ti riconosce. In questa bellissima poesia, Annovi ci rappresenta questa parte della realtà evidenziando come sia importante nominare anche i bisogni, persino quelli fondamentali. La riflessione sulla lingua apre i suoi confini travalicando la geografia, la politica, i sentimenti e la sfera emotiva approdando ad una dimensione squisitamente umana. Vi invito a leggerla nel profondo, interpretando con occhi nuovi gli idranti di piazza Indipendenza a Roma.

la lingua che ti serve sull’isola
tra lampàre e turisti e sirene
non ha la grazia né la gloria
di una madre:

dici il tuo nome
poi dici: water dici
ti manca la parola per dire sete
(dice la tua disperazione)

allora ti danno pane ti danno
parecchia televisione
e impari a dire:

mia figlia galleggia nel mare

lingua perdita in assoluta
sommessa rabbia:

cunîn ripete la badante
polacca: fanciulla del dialetto
adesso che l’alzheimer le
ha sepolta la voce nel cervello:
vuole dire coniglio

mai ha saputo del latino cuniculus
e che a Coney coniglio è rabbit

cosa che s’insabbia
tra pannolini e rifiuti
lunaparkolo semi-russo
pendula appendice e
penisola nella bocca:

incompresa lingua che interra
Da ITALICS – NINO ARAGNO EDITORE

IMG_0250

Immagine di copertina: foto di Vincenzo Livieri, Agenzia LaPresse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *