IMG_8050

Parterre (XV): Diaphonia edizioni, le ultime novità

di Marta Cutugno

Oggi la rubrica Parterre presenta le ultime novità in casa Diaphonia.
Diaphonia è un’associazione culturale e casa editrice con sede a Barcellona Pozzo di Gotto che dal 2010 si dedica alla promozione e alla diffusione della musica, e dell’arte in genere attraverso l’organizzazione di eventi culturali, progetti di studio e di ricerca, pubblicazioni ed attività di formazione. Grazie al gruppo Diaphonia, in questi anni, diversi gruppi strumentali di professionisti e dilettanti, hanno avuto la possibilità di approfondire le proprie conoscenze e di coltivare la creatività e la capacità improvvisativa con l’ausilio delle nuove tecnologie.
Il catalogo della Diaphonia edizioni è visibile cliccando qui.

Puntiamo un primo riflettore su “Fracargio“, ensemble strumentale formato stabilmente da un trio di base – Francesco Lipari (percussioni, flauto basso, voce recitante), Dario Pino (live electronics) e Giovanni Arena (contrabbasso) – a cui si uniscono, con una certa continuità, anche la flautista Carmen Mazzeo ed il violinista Giovanni Alibrandi.

IMG_8051
Quando la costante ricerca e l’attento lavoro di organizzazione del suono si fondono con la viscerale passione nei riguardi dell’Arte tutta e delle sue forme espressive – dalla musica alle arti figurative, dal cinema all’universo letterario – il pubblico, destinatario delle produzioni che ne scaturiscono, non può fare a meno di restarne coinvolto con stupore e desiderio di scoperta.
Presentare Fracargio significa, dunque, andare oltre i confini dettati dall’esperienza in quanto ensemble, e dedicarsi, in una visione più ampia, alla progettualità insita nell’attivo sperimentare dei suoi musicisti: un percorso che, ad inizio 2017, si è concretizzato nel primo EP digitale dal titolo “Agni Parthene” che, molto presto, verrà pubblicato anche su supporto fisico ed in tiratura limitata.

Fondamento delle due composizioni dell’EP è il canto non liturgico dedicato a Maria Vergine e composto da San Nettario Di Egina, vescovo e taumaturgo ortodosso vissuto tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. L’adattamento la trasformazione sonora ad opera dell’ensemble Fracargio genera atmosfere incantate in una sorta di tema con variazioni in cui il canto si identifica e smaterializza in una dimensione circolare dallo smalto esoterico. Dinamismo e alienazione si fondono ad un dolce spaesamento: una parentesi altra dall’energia immateriale in un ambiente sonoro intenso ed impalpabile.

In casa Diaphonia, inoltre, è in lavorazione un altro nuovo disco, opera di Giovanni Alibrandi e Francesco Lipari, che abbiamo già intervistato a proposito del precedente album “Obscure Gleams“. Mantenendosi nel solco dell’ambient che vede questa collaborazione attiva e prolifica già dal 2015, i due compositori regalano al loro pubblico, in anteprima, il singolo “Nella sala del tempo I”, una corsa dentro un tunnel in compagnia di sfumature ricercate e di sonorità sottili e indecifrabili. “La sala del tempo non è altro che la nostra esistenza, i cui giorni sono segnati dallo scorrere implacabile dei giorni a fianco del nostro desiderio di fermarli. Il tentativo di esprimere un messaggio profondo attraverso un linguaggio meno colto, fruibile da un pubblico più ampio” (Francesco Lipari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *