fali2

FLASHES E DEDICHE 49- L’ORA DELLA FALIERO-

Dopo averla conosciuta con L’amore in dissolvenza, ho letto con piacere l’ultimo lavoro di Mimma Faliero “Non chiedetemi l’ora” pubblicato da Eretica Edizioni. Il libro della Faliero si fa leggere agevolmente ed onFAliestamente. Le tre sezioni che compongono l’opera si integrano l’una con l’altra facendo un corpo poetico  che sfiora il lettore e lo coinvolge. Si tratta di una poesia, come ho detto prima e non a caso, onesta, in cui l’autrice arriva al nocciolo delle questioni senza fare sconti a nessuno. Una scrittura talvolta ancora gravida e in altri momenti secca e diretta come se il labor limae avesse ben levigato i versi.  La Faliero cerca angoli bui dove portare un po’ di luce, un po’ di conforto non con immagini e concetti frusti e scontati ma con una vitalità (penso ancora in divenire) di chi ama il proprio lavoro di scrittore.

 

Perché nell’anatomia del dolore

non c’è piano sagittale

che ne tagli la carne

e nella dittatura del falso

un alito di Vero

è l’ossimoro del nostro vivere.

 

 

 

Vuoto

Si invalida il tempo
lungo una scia di stelle fragili
e acidi umori
in un travaso di vuoto.

Ho amato tanto le lacrime
da disertare la morte
scegliendofali2
di vivere un pretesto
che si fingeva vita
nascondendosi
nell’inferno di un altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *